Acanthurus lineatus

Famiglia : Acanthuridae.

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 181.7 Kb
L’Acanthurus lineatus ha una livrea davvero inconfondibile. La spina caudale è velenosa © Giuseppe Mazza

Il Pesce chirurgo striato o Pesce chirurgo a strisce blu ( Acanthurus lineatus - Linnaeus, 1758 ) appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine Perciformes ed alla famiglia Acanthuridae.

Il nome del genere Acanthurus viene dal greco “akantha“, spina, e “ura” = coda, per la spina affilata come un rasoio che questi pesci recano sui due lati della coda.

Il nome specifico viene dal latino "lineatus” = lineato, a linee, per le strisce longitudinali gialle e blu.

Zoogeografia

L’ Acanthurus lineatus ha una diffusione molto vasta nelle acque tropicali dell’Oceano Indiano e dell’ Oceano Pacifico, dove tuttavia non raggiunge le coste americane fermandosi alle Hawaii ed alle Isole Marchesi.

Ecologia-Habitat

Vive in genere nella parte pianeggiante delle formazioni madreporiche, in meno di 3 m d’acqua, ma può scendere sui costoni fin verso i 15 m.

Morfofisiologia

Il Pesce chirurgo striato raggiunge i 38 cm, anche se la lunghezza media è di 25-30 cm. Il corpo è piatto, quasi ovale con un’altezza massima a livello delle pettorali, e presenta una grande pinna dorsale con 9 spine e 27-30 raggi molli. L’anale, simmetrica e più corta, ha 3 raggi spinosi e 25-28 inermi. Le ventrali, contano un raggio spinoso e 5 molli, le pettorali 16 raggi molli e la caudale è lunata.

Alla base del suo peduncolo, in mezzo ad una linea blu, c’è la famosa spina erettile e tagliente, ricoperta da un muco velenoso che produce ferite dolorosissime. La sua presenza non è enfatizzata da un disegno, come in altri Acanthurus, a titolo d’ammonimento per i predatori, perché data la livrea vistosa, facilmente memorizzabile, non ce n’era bisogno. Non a caso in Indonesia il pesce chirurgo striato viene chiamato “Clown surgeon” e negli USA “Clown surgeonfish”.

JPEG - 65.5 Kb
I maschi sono territoriali con un harem e la distribuzione della specie è vastissima © Giuseppe Mazza

Una specie inconfondibile, dunque, per le bande blu orizzontali orlate di nero su un fondo giallo, che proseguono anche sul capo e, ruotate, sotto gli occhi, mentre il ventre, più chiaro, è blu-azzurrastro. I bordi della dorsale, dell’anale, delle ventrali e della caudale sono blu, e quest’ultima mostra al suo interno un’elegante mezzaluna dello stesso colore che si fonde ai bordi delle punte.

La bocca è relativamente grande e solida, per una dieta ricca non esclusivamente vegetariana. Sono presenti numerosi rastrelli branchiali.

Etologia-Biologia Riproduttiva

I maschi sono molto territoriali e lasciano entrare nei loro pascoli sommersi solo le femmine, che finiscono per formare un piccolo harem.

E’ un pesce in continuo movimento, che si nutre di varie specie d’alghe, spesso anche carnose, appartenenti per lo più ai generi Caulerpa, Cladophora, Codium, Dictyota, Jania, Laurencia, Padina, Polysiphonia e Sphacelaria, e che arricchisce spesso la sua dieta con i piccoli crostacei che trova nei dintorni. Nel periodo riproduttivo possono formarsi delle aggregazioni numerose, ma non c’è una deposizione collettiva. La fecondazione resta un fatto di coppia. Le uova sono pelagiche e non si conosce molto sugli stadi larvali.

Anche se l’ Acanthurus lineatus viene spesso pescato per gli acquari, visto che crea minori problemi nutrizionali dei pesci chirurgo esclusivamente vegetariani, anche se i polinesiani lo mangiano regolarmente alla griglia, incuranti della ciguatera, una possibile intossicazione alimentare indotta dalle loro carni, la vulnerabilità della specie è bassissima: 23 su 100, con un raddoppiamento possibile delle popolazioni in 1,4 - 4,4 anni.

Sinonimi

Acanthurus vittatus - Bennett, 1828; Chaetodon lineatus - Linnaeus, 1758; Ctenodon lineatus - Linnaeus, 1758; Harpurus lineatus - Linnaeus, 1758; Hepatus lineatus - Linnaeus, 1758; Rhombotides lineatus - Linnaeus, 1758; Teuthis lineatus - Linnaeus, 1758.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_A-56-1_Acanthurus_lineatus
_A-56-8_Acanthurus_lineatus
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants