Acanthurus nigricans

Famiglia : Acanthuridae.

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 130 Kb
L’Acanthurus nigricans può ibridarsi con A. achilles, A. leucosternon ed A. japonicus © Giuseppe Mazza

Il Pesce chirurgo dalle guance bianche, detto anche Pesce chirurgo nero o Pesce chirurgo cerchiato d’oro ( Acanthurus nigricans - Linnaeus, 1758 ), appar- tiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla fantasiosa famiglia degli Acanthuridae.

Il nome del genere “acanthurus”, viene dal greco “akantha“, spina, e “ura” = coda, per la spina affilata come un rasoio che questi animali recano sui due lati del peduncolo caudale.

Il nome della specie “nigricans” deriva dal latino “nigrico” = tendere al nero, e quindi “tendente al nero” con evidente riferimento alla livrea scura.

Zoogeografia

Ha una diffusione molto vasta nelle acque tropicali dell’Oceano Indiano Orientale e sulle due coste del Pacifico.

Lo troviamo, per dare un’idea della distribuzione, alle Maldive, alle Isole Cocos, all’Isola di Natale, in India, Tailandia, Australia, Indonesia, Nuova Guinea, Micronesia, Filippine, Taiwan, Cina e sud del Giappone. Nell’emisfero sud raggiunge Tonga e la Nuova Caledonia.Verso est è di casa a Samoa, alle Isole Marchesi, alle Hawaii ed alle Galapagos, fino al Messico e vari stati centroamericani.

Ecologia-Habitat

Vive per lo più in acque basse, nelle lagune assolate ricche d’alghe filamentose, ma può scendere sul lato esterno dei reef fin oltre i 60 m di profondità.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 21 cm di lunghezza, superando di rado i 15 cm. Il corpo è piatto, più o meno ovale, con un’unica grande pinna dorsale con 9 raggi spinosi e 28-31 molli. L’anale è simmetrica ma più corta, con 3 spine e 26-28 raggi inermi. Le pettorali e le ventrali, arrotondate all’apice, sono di taglia modesta e la caudale, tronca nei giovani, è poi leggermente lunata. La bocca, piccola, mostra dei denti piatti ad incastro per tagliare le alghe.

Sul corpo marrone-bluastro, molto scuro, spicca una macchia bianca accanto alle labbra ed una più grande sotto l’occhio, che giustifica l’appellativo di pesce chirurgo dalle guance bianche. Di Acanthurus più o meno neri infatti ce ne sono tanti, ma nessuno ha questa particolarità. Alla base della dorsale e dell’anale si notano inoltre due eleganti fasce dorate, come sottolinea il nome volgare di pesce chirurgo cerchiato d’oro. Si allargano verso il peduncolo caudale per indicare l’alloggiamento dello stesso colore, da cui sbuca, quando il pesce per difendersi piega la coda, una spina tagliente e avvelenata che scoraggia gli aggressori. Anche la pinna caudale, bianca, mostra una fascia verticale dorata poco prima dell’estremità, mentre le altre pinne recano spesso un elegante bordino blu.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Il pesce chirurgo dalle guance bianche nuota tutto il giorno, in piccoli gruppi, nutrendosi d’alghe filamentose e della pellicola d’alghe microscopiche e detriti che ricoprono i fondali, ma bruca anche alghe bentoniche consistenti come quelle appartenenti ai generi Caulerpa, Cladophora, Codium, Dictyota, Gracilaria, Laurencia, Padina, Polysiphonia e Turbinaria.

Le uova schiudono rapidamente, in meno di due giorni dalla fecondazione che avviene a mezz’acqua. Le larve, disperse dalle correnti, vivono ancora per 2-3 giorni a spese del sacco vitellino e poi iniziano la loro dieta d’organismi microscopici. Crescendo mostrano delle lunghe spine, forse velenose, su un corpo appiattito e diafano, ben adattato ai pericoli della vita in alto mare. Quando tornano al reef, a metamorfosi compiuta, assomigliano già agli adulti e per crescere al riparo dai pericoli vivono fra i rami delle grandi madrepore.

In Micronesia l’ Acanthurus nigricans si è ibridato con l’ Acanthurus achilles, come è già accaduto con l’ Acanthurus leucosternon e l’ Acanthurus japonicus.

Anche se il tasso di vulnerabilità della specie è attualmente modesto, segnando 34 su una scala di 100, occorre tener d’occhio le popolazioni perché hanno un ciclo riproduttivo lungo ed occorrono 4,5-14 anni per raddoppiare gli effettivi.

Sinonimi

Chaetodon nigricans - Linnaeus, 1758; Acanthurus glaucopareius - Cuvier, 1829; Acanthurus aliala - Lesson, 1831.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_A-274-1_Acanthurus_nigricans
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants