Apolemichthys trimaculatus

Famiglia : Pomacanthidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 85.9 Kb
Il Pesce angelo dalle tre macchie ( Apolemichthys trimaculatus ) supera raramente i 20 cm © Giuseppe Mazza

Presente spesso negli acquari, lo splendido Pesce angelo dalle tre macchie ( Apolemichthys trimaculatus - Cuvier, 1831 ), appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pin- ne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla famiglia dei Pomacanthidae, i pesci angelo, che contano 9 generi e 74 specie.

Il nome del genere Apolemichthys viene dal greco “a” = privativo e “polemos” = guerra, e “icthys” = pesce, si tratta cioè di un “pesce improprio alla guerra” per la mancanza, a differenza degli Holacanthus da cui deriva, delle spine interopercolari.

Il che non toglie che come tutti i Pomacanthidae abbia la sua lunga spina opercolare, anche se, a onor del vero, poco affilata.

L’etimologia della specie trimaculatus = con tre macchie in latino, fa riferimento alla macchia nera sul capo e ai due ocelli bruni accanto agli opercoli.

Zoogeografia

E’ presente nelle acque tropicali dell’ Indo-Pacifico.

JPEG - 61 Kb
E’ una specie ermafrodita proterogina: le femmine crescendo possono cambiar sesso e diventare maschi © Mazza

Lo troviamo a titolo indicativo in Sud Africa, nell’Africa Orientale, in Somalia, alle isole Seychelles, alle isole Andaman, alle Maldive, in Indonesia, Nuova Guinea, Australia, Micronesia, Filippine, Taiwan e Cina fino alla parte meridionale del Giappone. Verso Est ha colonizzato Vanuatu, Samoa, Tonga. Verso Sud ha raggiunto la Nuova Caledonia.

Ecologia-Habitat

Vive nelle lagune, fra i coralli, in acque relativamente basse fino a 60 m di profondità.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 26 cm di lunghezza, ma supera raramente i 20 cm.

Il corpo è piatto, quasi ovale, con la pinna dorsale e l’anale che si prolungano arrotondate verso la coda.

La dorsale mostra 14 raggi spinosi e 16-17 molli, mentre l’anale, più allungata, conta 3 raggi spinosi e 17-19 inermi. Le pettorali, più o meno triangolari, hanno 17-19 raggi molli e le ventrali sono appuntite. La caudale è arrotondata.

La livrea è gialla con una macchia nera sul capo ed i caratteristi ocelli bruni sul retro dell’opercolo all’altezza degli occhi.

Non passano certo inosservate le vistose labbra blu e la pinna anale metà bianca e metà nera.

JPEG - 70.2 Kb
E’ territoriale. In acquario non tollera i conspecifici ed è spesso aggressivo © Giuseppe Mazza

I giovani recano un finto occhio alla base della pinna dorsale, per confondere le idee ai predatori, e recano una sbarra nera sulla capo che attraversa l’occhio con evidente funzione mimetica.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Il Pesce angelo dalle tre macchie è una specie ermafrodita proterogina, con femmine cioè che possono cambiar sesso raggiunta una certa taglia.

I maschi sono territoriali e lasciano entrare nella loro zona solo le femmine. Col tempo finiscono così per costituire un piccolo harem di 4-5 compagne con cui brucano le alghe o sbocconcellano ascidie e spugne.

L’ Apolemichthys trimaculatus si nutre anche di zooplancton, polipi di corallo e pesciolini. Ciò gli permette di sopravvivere in acquario con una dieta basata prima sull’ Artemia salina e poi su frullati di cozze e gamberetti, ma non è facile perché ha bisogno di grandi spazi, non tollera i conspecifici e spesso aggredisce anche gli altri ospiti. Le uova e le larve sono pelagiche.

Le popolazioni in natura raddoppiano in 1,4-4,4 anni e la specie ha oggi un indice di vulnerabilità moderato, di 31 su una scala di 100.

Sinonimi

Holacanthus trimaculatus - Cuvier, 1831.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_A-236-5_Apolemichthys_trimaculatus
_A-263-10_Apolemichthys_trimaculatus
_A-263-9_Apolemichthys_trimaculatus
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants