Bactris concinna

Famiglia : Arecaceae

Testo © Pietro Puccio

La specie è originaria della Bolivia, Brasile nordoccidentale, Colombia, Ecuador e Perù dove cresce nelle foreste pluviali, prevalentemente lungo i corsi d’acqua e in aree periodicamente inondate, a bassa altitudine.

Il nome generico deriva dal sostantivo greco “βάκτρον” (bactron) = bastone, sostegno, con riferimento all’uso dei fusti di alcune specie appartenenti al genere come bastoni; il nome specifico è l’aggettivo latino “concinnus, a, um” = elegante.

Nomi comuni: marayaù (Bolivia); marajá, marajá pupunha, mumbaca (Brasile); caña brava, marayá (Colombia); chontilla (Ecuador); neja, ñejilla, palmera cespitosa, uyainim (Perù).

JPEG - 320.3 Kb
La Bactris concinna forma densi cespi nelle foreste pluviali della Bolivia, Brasile nordoccidentale, Colombia, Ecuador e Perù, prevalentemente lungo i corsi d’acqua e in aree periodicamente inondate, a bassa altitudine. Fusti eretti o leggermente arcuati, di 2-5 cm di diametro e 4 m d’altezza con esemplari di 7-8 m © Giuseppe Mazza

La Bactris concinna Mart. (1826) è una specie monoica che forma densi cespi con fusti eretti o leggermente arcuati, di 2-5 cm di diametro e altezza che solitamente non supera 4 m, anche se sono noti esemplari che raggiungono 7-8 m, ricoperti dalle basi fogliari densamente spinose, ad eccezione della parte più vecchia, e da anelli di spine nerastre, lunghe circa 1,5 cm, ai nodi. Le foglie, su un picciolo lungo 15-70 cm, sono pennate, lunghe 1,2-2 m, con 30-50 pinnule lineari, lunghe 30-60 cm e larghe 1,5-3 cm nella parte mediana, regolarmente disposte ai lati del rachide sullo stesso piano, di colore verde intenso; base fogliare, picciolo e rachide sono provvisti di fitte spine nerastre, lunghe 1-2 cm, inframezzate da alcune spine nere o giallastre lunghe fino a 10 cm. Infiorescenze tra le foglie (interfogliari) racchiuse inizialmente in una spata, lunga 25-40 cm, ricoperta di spine, con fiori unisessuali disposti generalmente in triade (un fiore femminile tra due maschili), i fiori femminili maturano prima di quelli maschili favorendo l’impollinazione incrociata. I frutti sono ovoidi, eduli, di colore porpora nerastro, di 2-4 cm di lunghezza e 1-2 cm di diametro, contenenti un solo seme.

Si riproduce per seme, in terriccio drenante ricco di sostanza organica mantenuto costantemente umido a 26-28 °C, con tempi di germinazione di 5-6 mesi, e per divisione.

JPEG - 178.8 Kb
Spine ovunque, persino sulle lamine fogliari. I fiori femminili maturano prima di quelli maschili per favorire l’impollinazione incrociata. I frutti sono ovoidi, eduli, di colore porpora nerastro, di 2-4 cm di lunghezza e 1-2 cm di diametro, contenenti un solo seme. Le radici sono usate per decotti nelle malattie da raffreddamento © G. Mazza

Specie di grande valore ornamentale e paesaggistico a crescita relativamente veloce, adatta per parchi e giardini delle zone a clima tropicale e subtropicale umido, da posizionare lontano dai luoghi di passaggio e stazionamento a causa delle fitte spine che la ricoprono. Richiede pieno sole, tranne nella fase iniziale di crescita, o parziale ombreggiatura, e suoli drenanti mantenuti costantemente umidi, acidi o neutri; nei climi stagionali va irrigata regolarmente e abbondantemente durante la stagione secca. I frutti, di sapore gradevole, vengono a volte venduti nei mercati locali, oltre che per il consumo umano anche per quello animale. I fusti sono usati come pali per le recinzioni, nelle coperture, insieme alle foglie, di ripari permanenti o di fortuna e per oggetti di uso comune. Le radici sono utilizzate nella medicina popolare, come decotto, nelle malattie da raffreddamento.

Sinonimi: Bactris concinna var. inundata Spruce (1869); Bactris concinna subsp. depauperata Trail (1876); Pyrenoglyphis concinna (Mart.) Burret (1934); Pyrenoglyphis concinna var. depauperata (Trail) Burret (1934); Pyrenoglyphis concinna var. inundata (Spruce) Burret (1934).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ARECACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/b-199-2_bactris_concinna
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants