Balistes capriscus

Famiglia : Balistidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 49.5 Kb
Il Balistes capriscus è l’unico pesce balestra presente nel Mediterraneo © Giuseppe Mazza

Il Pesce balestra detto anche Pesce porco ( Balistes capriscus - Gmelin, 1789 ) appartiene alla classe Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Tetraodontiformes ed alla famiglia dei Balistidae.

Il nome del genere “balistes” viene dal latino “balista” = balestra, per la forma arcuata delle grandi pinne e la presenza sulla dorsale di un meccanismo a grilletto evocatori di quest’arma dell’antichità.

Il nome della specie, “capriscus” indicherebbe, latineggiando, un “piccolo capro”.

Zoogeografia

E’ di casa nelle acque tropicali e temperate dell’Oceano Atlantico e nel Mare Mediterraneo dove è l’unico rappresentante dei Balistidae.

Per dare un’idea della distribuzione lo troviamo lungo le coste africane dal Marocco, la Mauritania e Capo Verde fino all’Angola. Poi all’isola dell’Ascensione e sull’altra sponda dell’oceano dal Canada, il Golfo del Messico ed il Mar dei Carabi fino al Brasile.

Trascinato dalla Corrente del Golfo è stato pescato anche lungo le coste belghe, inglesi ed irlandesi, e segna così la conquista del limite nord per la famiglia dei balistidi.

JPEG - 77.2 Kb
E’ il Balistidae che si è spinto più a nord, fino all’Inghilterra e l’Irlanda © Giuseppe Mazza

Ecologia-Habitat

Nuota fino a 100 m di profondità, scendendo di rado sotto i 50 m, lungo le coste ma anche al largo, dietro ai branchi di pesci blu.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 60 cm di lunghezza, ma supera di rado il mezzo metro. Il corpo è ovale, alto, molto piatto, ricoperto da squame ossee disposte a losanga per formare una corazza.

Sul dorso si nota il grilletto tipico dei Balistidae, formato da tre spine bloccabili in posizione eretta. Per abbassare la prima, lunga e affilata, occorre agire sulla terza, liberando la seconda, che trattiene, con un foro ad incastro, la base dello spuntone. Importante deterrente per i predatori, perché anche dopo la morte del pesce, il pugnale resta bloccato alla verticale ed è difficile ingoiare la preda senza ferirsi.

In più quando il Balistes capriscus trova una cavità con l’ingresso stretto, dove si entra solo a pinna abbassata, può adottarla come tana e dormire col grilletto alzato sonni tranquilli, senza il rischio d’essere trascinato fuori dalle correnti o essere sorpreso assopito da predatori di grossa taglia come il Thunnus albacares, l’ Acanthocybium solandri, o la Coryphaena hippurus.

JPEG - 89.1 Kb
Per alcuni la carne è gustosa, ma è a rischio di ciguatera, una grave intossicazione alimentare © Giuseppe Mazza

La seconda pinna dorsale mostra 26-29 raggi molli ed è simmetrica all’anale, che ne possiede 23-26. Le pettorali recano 14-15 raggi inermi; le ventrali, atrofizzate, si sono trasformate in una placca mobile rugosa e una dozzina di piccole spine tenute insieme da una membrana; la caudale, arrotondata nei giovani, si fa tronca negli adulti e lunata negli esemplari più vecchi con due vistosi filamenti.

Gli occhi e la bocca sono decisamente piccoli rispetto al corpo, ma la vista è ottima ed i solidi denti affilati spezzano facilmente le corazze dei ricci di mare e i gusci dei molluschi.

Comparata ai fantasiosi colori degli altri membri della famiglia, la livrea del Balistes capriscus è molto sobria. In genere la tinta dominante è il grigio piombo, più chiaro sul ventre, con riflessi azzurri, verdastri o violacei.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Il pesce balestra si nutre d’echinodermi, crostacei, molluschi e pesci. In molte zone il piatto forte è infatti costituito dai branchi di sardine e aterinidi o dei piccoli pesci che nuotano fra i coralli. Inutile dire che ha una predilezione per le cozze e le ostriche e che nel Mediterraneo non è certo ben visto dagli ostricoltori.

JPEG - 84.4 Kb
La livrea dei giovani è certamente più variopinta di quella plumbea degli adulti © Giuseppe Mazza

Vive solitario o in piccoli gruppi.

Durante il periodo riproduttivo, sotto gli occhi soddisfatti del maschio, la femmina scava per 2-3 giorni un profondo nido nella sabbia, soffiandola via con getti d’acqua dalla bocca e asportando i sassi coi denti.

Le uova fecondate schiudono dopo 50-55 ore e le larve planctoniche misurano 1,7 mm.

I giovani hanno una livrea decisamente più colorata degli adulti, bruna con macchie blu, e si adattano facilmente alla vita d’acquario superando, in vasche adeguate, i 12 anni d’età.

Gli adulti finiscono non di rado nelle reti a strascico e la carne, apprezzata dai locali, viene spesso consumata ai Carabi e nell’America Centrale nonostante il rischio di ciguatera, un’intossicazione alimentare legata all’accumulo nei loro tessuti di sostanze velenose provenienti da una dieta ricca in pesci che si nutrono di coralli o alghe tossiche.

Le popolazioni possono raddoppiare in 1,4-4,4 anni e con un rischio di vulnerabilità moderato, di 35 su 100, la specie non è attualmente in pericolo.

Sinonimi

Balistes carolinensis - Gmelin, 1789; Balistes forcipatus - Gmelin, 1789; Nematobalistes forcipatus - Gmelin, 1789; Balistes spilotopterygius - Walbaum, 1792; Balistes buniva - Lacepède, 1803; Balistes caprinus - Valenciennes, 1839; Balistes fuliginosus - DeKay, 1842: Balistes taeniopterus - Poey, 1860; Balistes powellii - Cope, 1870; Balistes moribundus - Cope, 1871.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_B-14-2_Balistes_capriscus
_B-14-1_Balistes_capriscus
_B-14-6_Balistes_capriscus
_B-14-8_Balistes_capriscus
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants