Balistoides viridescens

Famiglia : Balistidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 125.4 Kb
Un giovane Balistoides viridescens. Gli adulti, più colorati, possono raggiungere i 75 cm © Giuseppe Mazza

Il Pesce balestra titano ( Balistoides viridescens - Bloch & Schneider, 1801 ) appartiene alla classe Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Tetraodontiformes ed alla famiglia dei Balistidae, i ben noti pesci balestra o pesci grilletto.

Il nome del genere “Balistoides” viene dal latino “balista” = balestra, la stessa etimologia del genere Balistes, e dal suffisso “-oides”, usato nell’antica Grecia per dire “simile a”. E’ insomma un pesce simile a quelli del genere Balistes.

Il nome della specie deriva dal latino “viridescens” = che diventa verde, con riferimento alla livrea adulta.

Zoogeografia

E’ presente nelle acque tropicali dell’Indo-Pacifico. Lo troviamo, a titolo indicativo, lungo la costa africana, dal Mozambico al Mar Rosso, alle isole Seychelles, Mauritius, Riunione, Maldive, India, Sri Lanka, Tailandia, Australia, Indonesia, Nuova Guinea, Micronesia, Filippine, Taiwan e la Cina fino al Giappone. Verso est è di casa a Kiribati, Samoa, alle Isole Marchesi e Tuamotu, ma non ha colonizzato le Hawaii. A sud raggiunge Tonga e la Nuova Caledonia.

JPEG - 69 Kb
Maestoso esemplare adulto nella tipica livrea multicolore tendente al verde © Gianni Neto

Ecologia-Habitat

Vive all’interno del reef, nelle acque tranquille delle formazioni madreporiche fino a 50 m di profondità.

Morfofisiologia

Con i suoi 75 cm di lunghezza è il più grande Balistidae esistente. Il corpo è piatto, ovoide, protetto come tutti i pesci balestra da un solido rivestimento di squame ossee. Sono scabre con piccole spine rivolte in avanti accanto al peduncolo caudale.

Sul dorso c’è il caratteristico grilletto erettile formato, da tre spine, che il pesce può bloccare, per difesa, in posizione eretta. Resta armato anche da morto, e la prima spina, lunga e affilata come un pugnale, scoraggia a prima vista gli aggressori.

La seconda pinna dorsale conta 24-26 raggi molli ed è quasi speculare all’anale che ne reca 22-24. Le pettorali contano 15-16 raggi inermi, le ventrali sono ridotte ad uno spuntone e la caudale è arrotondata nei giovani e quasi tronca negli adulti.

La bocca, robusta, è armata da solidi incisivi che servono a spezzare le corazze dei ricci di mare, dei crostacei e dei molluschi, per non parlare delle madrepore che sbriciola senza sforzo per divorarne i polipi. Ma se capita non trascura anche prede facili, come gli anellini tubicoli.

JPEG - 101 Kb
La bocca, robusta, è armata da solidi incisivi che servono a spezzare le corazze dei ricci di mare, dei crostacei e dei molluschi, per non parlare delle madrepore che sbriciola senza sforzo per divorarne i polipi e degli anellini tubicoli. © Gianni Neto

La livrea è chiara nei giovani con una punteggiatura nera che interessa tutto il corpo eccetto il sottogola. Dagli occhi e dalla pinna dorsale si formano due zone scure accentuate negli adulti, mentre la parte centrale del corpo si colora di giallo verdastro e le labbra, col sottogola, diventano blu. Le pinne sono brune-giallastre o rossicce con bordo scuro.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Quando frantuma le madrepore, il pesce balestra titano fa anche beneficenza, attorniato com’è da piccoli pesci che approfittano degli scarti. Non è particolarmente aggressivo, ma nel periodo riproduttivo, fino alla schiusa, le femmine montano la guardia al nido scavato nella sabbia e non esitano a mordere ferocemente gli intrusi.

Se incappa nelle reti, date le dimensioni, il pesce balestra titano viene spesso consumato dai pescatori, incuranti del rischio di ciguatera, un’intossicazione legata alla possibile presenza d’organismi velenosi nella loro dieta.

La crescita delle popolazioni è molto lenta. Si parla di 4,5-14 anni per un raddoppio in condizioni ottimali; niente da stupirsi quindi che l’indice di vulnerabilità della specie sia relativamente alto: 54 su 100.

Sinonimi

Balistes viridescens - Bloch & Schneider, 1801; Pseudobalistes viridescens - Bloch & Schneider, 1801; Balistes brasiliensis Bloch & Schneider, 1801; Pachynathus nigromarginatus - Tanaka, 1908; Balistes nigromarginatus - Tanaka, 1908.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_B-56-1_Balistoides_viridescens
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants