Bambusa tulda

Famiglia : Poaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 301.3 Kb
Nativa del sud-est asiatico la Bambusa tulda supera i 22 m d’altezza con culmi 10 cm di diametro © Giuseppe Mazza

La specie è originaria dell’Assam, Bangladesh, Cina (Yunnan), Himalaya, India, Laos, Myanmar, Nepal, Thailandia e Vietnam dove vive nelle foreste umide semidecidue, spesso lungo i corsi d’acqua, fino a circa 1500 m di altitudine.

Il nome del genere deriva dal nome locale malese “bambu”; il nome specifico è quello locale, tulda bans, in lingua bengalese.

Nomi comuni: Bengal bamboo, common bamboo of Bengal, spineless indian bamboo (inglese); basini bans, tulda bans (bengalese); deo-bans, thaik-wa (birmano); fu zhu (cinese); peka bans (hindi); bong (laotiano); kada bans, singhane bans (nepalese); koraincho bans (Sikkim); mai-bong, phai-bong, wae cho wa (thailandese).

La Bambusa tulda Roxb. (1832) è una specie perenne rizomatosa, inerme, sempreverde o decidua in periodi di siccità, che forma densi cespi con fusti (culmi) eretti, con apice leggermente ricurvo, di 6-22 m di altezza, 5-10 cm di diametro e internodi di 35-60 cm, di colore verde inizialmente coperti da una pruina bianca; spesso gli internodi inferiori hanno 2-3 strisce giallo pallido.

Un anello di peluria biancastra è presente sopra i nodi, quelli basali sono inoltre dotati di corte radici aeree.

I culmi, cavi tra i nodi e con pareti spesse, sono inizialmente protetti da brattee trapezoidali decidue, lunghe 15-25 cm e larghe 16-28 cm, coriacee, ricoperte da irte setole marrone.

Ramificazioni a partire dal quarto nodo, numerose, le tre centrali più lunghe delle altre, ciascuna con 6-10 foglie alterne, distiche, lineari lanceolate con apice lungamente appuntito, lunghe 10-25 cm e larghe 2-4 cm, di colore verde intenso superiormente, grigiastre e villose inferiormente.

La fioritura, di norma gregaria (fioritura contemporanea, in qualsiasi parte del mondo, di tutti i cespi che hanno avuto la stessa origine, anche diverse generazioni prima), avviene su piante di molti anni di età, tra 25 e 60 anni, con una grande infiorescenza a pannocchia priva di foglie con 3-5 spighette ai nodi, lunghe 2,5-8 cm, portanti 4-6 fiori fertili; dopo la fruttificazione la pianta muore.

JPEG - 123.4 Kb
I culmi servono per ponteggi e impalcature. Germogli commestibili e virtù medicinali © Giuseppe Mazza

I frutti sono cariossidi oblunghe, di circa 8 mm di lunghezza, con apice irsuto.

Si riproduce per seme, quando disponibile, che ha una bassa durata di germinabilità, 1-2 mesi se non opportunamente conservato, in terriccio organico drenante mantenuto costantemente umido alla temperatura di 22-24 °C, con tempi di germinazione di 1-3 settimane.

Solitamente si ricorre alla divisione, estraendo una porzione di rizoma con almeno 3 culmi, tagliati sopra il primo nodo, e alla talea in estate, utilizzando una porzione di culmo di un anno di età con 2-3 nodi.

Le nuove piante così ottenute vanno inizialmente poste in ambiente leggermente ombreggiato e con elevata umidità atmosferica fino a quando non sono ben radicate.

Specie di veloce crescita, raggiungendo, nelle migliori condizioni, un’altezza prossima a quella massima in circa un mese, non invasiva, di grande utilità per le popolazioni locali e con notevoli caratteristiche ornamentali, sia come cespo isolato che per siepi di confine e barriere antivento e antirumore, coltivabile nelle zone a clima tropicale, subtropicale e temperato caldo, dove può resistere a temperature fino a circa -5 °C per breve periodo.

Richiede pieno sole, per crescere al meglio, o leggera ombreggiatura, e suoli fertili, drenanti, acidi o neutri, mantenuti costantemente umidi, anche se può sopportare, ben radicata, periodi di secco con eventuale perdita delle foglie.

I culmi, di elevata resistenza meccanica e durata, sono ampiamente usati, previa stagionatura in acqua per alcune settimane e successiva essiccazione al sole, nelle costruzioni civili, per impalcature, ponti, recinzioni, infissi, mobili, utensili, attrezzi per la pesca e oggetti artigianali; sono inoltre impiegati nell’industria della carta, in particolare in India, e come combustibile. I giovani germogli, dal sapore leggermente amaro, sono utilizzati in diverse pietanze tipiche locali e le foglie come foraggio per gli animali. Riveste infine anche una notevole importanza nelle cerimonie religiose e nella medicina tradizionale.

Sinonimi: Dendrocalamus tulda Voigt (1845); Bambusa macala Buch.-Han. ex Munro (1868); Bambusa trigyna Roxb. ex Munro (1868).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle POACEAE cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/b-203-1_bambusa_tulda
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants