Bjerkandera adusta

GIF - 5.2 Kb

 

Testo © Massimiliano Berretta

 

JPEG - 178.7 Kb
La Bjerkandera adusta cresce sui tronchi, di preferenza morti © Giuseppe Mazza

Famiglia: Meruliaceae Rea, 1922

Genere: Bjerkandera Karsten, 1879

Bjerkandera adusta (Willdenow : Fries) Karsten, 1879

Il termine “adusta” deriva dal latino “ustus” = bruciato, bruciacchiato, per il colore tipico dell’imenio.

In Italia e in Spagna non si usano nomi “comuni” per questa specie; in Francia, invece, è conosciuto come “Tramète brûlée”, “Polypore brulé”; in Germania “Angebrannter rauchporling”; nel Regno Unito “Smoky Bracket”.

Descrizione del genere

A questo genere appartengono basidiomi annuali, mensolati, spesso imbricati o fusi lateralmente, a consistenza coriaceo-elastica; la superficie sterile è finemente tomentosa e a volte zonata; l’imenio è poroide, grigio o bruno con pori piccoli e rotondeggianti, i tubuli sono concolore; il contesto è ocraceo, separato dallo strato dei tubuli da una linea nera.

Sistema ifale monomitico (struttura formata da sole ife generatrici, senza ife di altro tipo), ife con giunti a fibbia; basidiospore ialine, bianche in massa, non amiloidi, lisce, da ellissoidali a subcilindriche.

Sono saprofiti o deboli parassiti di latifoglie (raramente conifere), determinando una carie bianca. La specie typus è Bjerkandera adusta.

Descrizione della specie

Cappello: basidiomi annuali, mensolati, imbricati e fusi lateralmente, talvolta arrivano a coprire estese aree sui tronchi, il singolo corpo fruttifero va dai 3 ai 7 cm, la superficie pileica, quando è presente è finemente vellutata, con zonature concentriche brune con margini ondulati, inizialmente biancastri, specialmente nelle forme resupinate, poi grigio scuro.

Imenio: poroide, da grigio a nerastro, con 4-6 pori per mm, rotondeggianti, stirati e irregolari nelle forme cresciute più verticalmente; tubuli con spessore di 1-2 mm, grigio fumo, separati dal contesto da una sottile linea nera.

Gambo: assente.

Carne: il contesto è sottile, ha uno spessore che va da pochi millimetri fino ad un massimo di 10 mm, di consistenza coriaceo-elastica, il colore va dal biancastro all’ocra chiaro.

JPEG - 116.7 Kb
Un primo piano eloquente. L’odore è intenso e gradevole, ma non è commestibile © Giuseppe Mazza

Odore: molto intenso e gradevole negli esemplari freschi, scompare nelle essic- cata.

Habitat: cresce tutto l’anno su ceppaie e tronchi morti di latifoglie, meno frequente su piante vive, raramente su conifere.

Commestibilità: senza alcun valore.

Microscopia: struttura ifale mono- mitica con ife generatrici provviste di giunti a fibbia e ramificate, a pareti sottili, con diametro di 2-4 µm nel subimenio.

Nel contesto le pareti sono ispessite o solide con diametro fino a 7 µm ad andamento irregolare.

Le ife pileiche sono riunite in cordoni che raggiungono una lunghezza di oltre 100 µm.

Basidiospore ellissoidali, lisce, ialine, non amiloidi, 4-6 × 2,3-3,5 µm.

Basidi clavati, con giunti a fibbia alla base, 10-18 × 3,5-6 µm.

Osservazioni: si tratta di una specie abbastanza diffusa in Europa, nell’ America del nord ed anche in Asia, sia nei boschi sia nei parchi o nei giardini, su legno morto di latifoglia, più raramente su aghifoglia, ed è causa di carie bianca del legno.

JPEG - 47.3 Kb
Ife generatrici, spore e basidi di Bjerkendera adusta © Pierluigi Angeli

È un fungo parassita a crescita piuttosto lenta, una volta insediato nella pianta ne provoca la morte e continua a svilupparsi su di essa come saprotrofo.

Una confusione è possibile con Bjerkandera fumosa (Persoon : Fries) Karsten 1879, che però è molto meno diffusa, almeno in Italia, si differenzia per la colorazione più scura del carpoforo, le spore leggermente più piccole, la superfice poroide da biancastra a crema ed i pori leggermente più grandi, l’habitat è solo su piante di latifoglia.

Sinonimi

Boletus adustus Willdenow 1787 (basionimo); Gloeoporus adustus (Willdenow) Pilát 1937; Grifola adusta (Willdenow) Zmitrovich & Malysheva 2006; Leptoporus adustus (Willdenow) Quélet 1886; Polyporus adustus (Willdenow) Fries 1821; Polystictus adustus (Willdenow) Fries; Polystictus adustus (Willdenow ) Gillot & Lucand 1890; Tyromyces adustus (Willdenow) Pouzar 1966

 

→ Per informazioni generali sui funghi vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità dei FUNGHI e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_B-141-1_Bjerkandera_adusta
_B-141-2_Bjerkandera_adusta
_B-141-3_Bjerkandera_adusta
_B-141-4_Bjerkandera_adusta
_B-141-5_Bjerkandera_adusta
_B-141-6_Bjerkandera_adusta
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants