Bulbophyllum incurvum

Famiglia : Orchidaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 117 Kb
Il Bulbophyllum incurvum è un’orchidea miniatura epifita delle foreste del Madagascar, Mauritius, Réunion e Rodrigues, con pseudobulbi ovoidi, lunghi circa 1,5 cm, distanziati su un rizoma strisciante, radicante ai nodi. Hanno 4-5 costolature prominenti e un’unica foglia lucida, verde intenso, lunga anche 8 cm © Giuseppe Mazza

La specie è originaria del Madagascar, Mauritius, Réunion e Rodrigues dove vive nelle foreste tra 400 e 1000 m di altitudine.

Il nome del genere è la combinazione dei sostantivi greci “βολβός” (bolbos) = bulbo e “φύλλον” (phyllon) = foglia, con riferimento alle foglie che crescono all’apice degli pseudobulbi; il nome specifico è l’aggettivo latino “incurvus, a, um” = curvo, piegato, con riferimento all’infiorescenza pendente.

JPEG - 86.3 Kb
Come suggerisce il nome specifico, l’infiorescenza del Bulbophyllum incurvum è una spiga pendente con numerosi piccoli fiori di 5-8 mm di diametro di colore variabile, da interamente giallo, a rosso, a bicolore. Sepali appuntiti, petali arrotondati, molto più piccoli, e labello oblungo mobile con margini ciliati © Mazza

Il Bulbophyllum incurvum Thouars (1822) è una specie epifita con pseudobulbi ovoidi con 4-5 costolature prominenti, lunghi circa 1,5 cm, distanziati su un rizoma strisciante radicante ai nodi e provvisti all’apice di un’unica foglia oblungo-ovata con apice emarginato, lunga 4-8 cm e larga 1,2-1,5 cm, coriacea, di colore verde intenso e lucida superiormente. L’infiorescenza, dalla base dello pseudobulbo, è una spiga pendente su uno scapo eretto, lungo 15-25 cm, portante numerosi fiori di 5-8 mm di diametro di colore variabile, da interamente giallo, a rosso, a bicolore con sepali appuntiti, petali arrotondati, molto più piccoli dei sepali, e labello oblungo con margini ciliati, mobile.

Si riproduce per seme, in vitro, e per divisione, con ciascuna sezione provvista di almeno 3-4 pseudobulbi, alla ripresa vegetativa.

Orchidea miniatura rara in coltivazione, richiede una posizione semiombreggiata, temperature medio-alte, 22-30 °C, in estate, leggermente più fresche in inverno, con minime notturne non inferiori a 15 °C, elevata umidità, 70-85%, e ventilazione costante. Le innaffiature devono essere regolari e abbondanti in estate, più diradate in inverno, ma senza mai fare asciugare completamente il substrato, utilizzando acqua piovana, demineralizzata o da osmosi inversa. Viene solitamente montata su tronchi, corteccia o zattere di radici di felci arborescenti con un poco di sfagno alla base della pianta, meno frequentemente in vasi o canestri piuttosto larghi, in modo da permettere agli pseudobulbi di espandersi liberamente, utilizzando un composto costituito da frammenti di corteccia (bark) e carbone vegetale con eventuale aggiunta di sfagno per mantenere l’umidità se l’ambiente di coltivazione è piuttosto secco. I rinvasi vanno effettuati quando il composto si è deteriorato alla ripresa vegetativa, segnalata dall’emissione delle nuove radici.

La specie è iscritta nell’appendice II della CITES (specie per la quale il commercio è regolamentato a livello internazionale).

Sinonimi: Phyllorchis incurva (Thouars) Kuntze (1891); Phyllorkis incurva (Thouars) Kuntze (1891).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ORCHIDACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/b-190-2_bulbophyllum_incurvum
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants