Bulbophyllum linearilabium

Famiglia : Orchidaceae

Testo © Pietro Puccio

La specie è originaria delle Molucche e Nuova Guinea dove vive sugli alberi delle foreste umide a basse altitudini.

Il nome del genere è la combinazione dei sostantivi greci “βολβός” (bolbos) = bulbo e “φύλλον” (phyllon) = foglia, con riferimento alle foglie che crescono all’apice degli pseudobulbi; il nome specifico è la combinazione dell’aggettivo latino “linearis, e” = lineare e del sostantivo “labium, ii” = labbro, con ovvio riferimento al labello.

JPEG - 106.9 Kb
Epifita con rizoma strisciante delle Molucche e Nuova Guinea, il Bulbophyllum linearilabium è un’insolita orchidea miniatura © Giuseppe Mazza

Il Bulbophyllum linearilabium J.J.Sm. (1912) è una specie epifita con rizoma strisciante radicante ai nodi con radici filiformi e pseudobulbi ravvicinati ovoido-conici, di 3-8 mm di lunghezza e 2-3 mm di diametro, con all’apice un’unica foglia ellittico-lanceolata con apice acuto, di 2-4 cm di lunghezza e 0,5-0,7 cm di larghezza, di colore verde chiaro, coriacea.

JPEG - 110.3 Kb
Abbondanti fiorellini dal labello lineare, conformemente al nome specifico © Giuseppe Mazza

Infiorescenza basale, su un peduncolo filiforme lungo 5-8 cm, portante un singolo fiore non resupinato (con labello in alto sopra la colonna) di colore porpora violetto scuro con riflessi nerastri; ovario e pedicello lungo 2-3 mm.

Sepalo dorsale oblungo-ovato con apice acuminato, di 1,1 cm di lunghezza e 0,35 cm di larghezza, sepali laterali uniti fino all’apice a formare un sinsepalo lungo circa 1 cm e largo 0,4 cm, petali ovati con apice acuto, pubescenti, di 3 mm di lunghezza e 2 mm di larghezza, labello mobile lineare, ciliato, lungo 6,5-8 mm, e colonna lunga 1,5 mm.

Orchidea miniatura dai caratteristici fiori prodotti in abbondanza e per gran parte dell’anno, richiede una parziale ombreggiatura, temperature intermedie, 20-30 °C, con minime notturne invernali preferibilmente non inferiori a 16 °C, elevata umidità, 70-80 %, e aria in costante movimento.

Innaffiature e nebulizzazioni frequenti con temperature elevate, leggermente più distanziate con temperature mediamente basse, in modo da lasciare parzialmente asciugare il substrato, utilizzando acqua piovana, demineralizzata o da osmosi inversa.

Concimazioni mensili con un prodotto specifico per orchidee oppure un bilanciato idrosolubile, con microelementi, a 1/5 della dose riportata sulla confezione.

Può essere montata su tronchetti o zattere ricoperti da uno strato di sfagno, oppure sistemata in vasi o canestri con composto costituito da frammenti di corteccia di media pezzatura, sfagno e inerti per migliorare il drenaggio.

Rinvasi e divisioni vanno effettuati quando strettamente necessario alla ripresa vegetativa.

La specie è iscritta nell’appendice II della CITES (specie per la quale il commercio è regolamentato a livello internazionale).

Sinonimi: Bulbophyllum arachnoideum Schltr. (1913); Bulbophyllum bivalve J.J.Sm. (1926); Bulbophyllum heliophilum J.J.Sm. (1929); Diphyes arachnoidea (Schltr.) Szlach. & Rutk. (2008).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ORCHIDACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/b-218-1_bulbophyllum_linearilabium
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants