Bunchosia armeniaca

Famiglia : Malpighiaceae

Testo © Pietro Puccio

La specie è originaria della Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela dove cresce nelle foreste dal livello del mare fino a circa 2400 m di altitudine.

Il nome del genere deriva da uno dei nomi in arabo, “buncho”, della pianta del caffè ( Coffea arabica L.) per la somiglianza dei semi; il nome della specie fa riferimento alla forma e colore dei frutti, simili a quelli delle albicocche ( Prunus armeniaca L. ).

Nomi comuni: monk’s plum, peanut butter tree, peruvian plume (inglese); bunchosie abricot, bunchosie des andes, cerise des Antilles (francese); ameixa-brava, ameixa-do-Peru, caferana, cafezinho, ciruela, falso guaraná (portoghese – Brasile); chico mamey, ciruela de fraile, ciruela silvestre, ciruela verde (spagnolo).

JPEG - 153.7 Kb
Originaria dell’America tropicale, la Bunchosia armeniaca è un sempreverde che può raggiungere i 20 m d’altezza con infiorescenze di 8-15 cm © Giuseppe Mazza

La Bunchosia armeniaca (Cav.) DC. (1824) è un arbusto o albero sempreverde che può raggiungere 20 m di altezza nei vecchi esemplari in natura, ma che in coltivazione si mantiene molto più basso, dalla corteccia grigiastra. Le foglie, su un picciolo lungo circa 1 cm, sono opposte, semplici, ovato-oblunghe con apice appuntito e margine ondulato, di 10-20 cm di lunghezza e 4-8 cm di larghezza, coriacee. Infiorescenze racemose ascellari compatte, lunghe 8-15 cm, portanti numerosi fiori ermafroditi di colore giallo, su un pedicello lungo 0,5-1 cm provvisto di tubercoli ghiandolari, di circa 1,5 cm di diametro, con calice pentapartito, 5 petali unguicolati (petali con la base lungamente ristretta simile ad uno stelo), lunghi 5-6 mm, con lamina ovata e margine frangiato-dentato, e 10 stami monadelfi (stami con filamenti fusi tra loro e antere libere). I frutti sono drupe ovoidi di colore da arancio a rosso a maturità, di 2,5-4 cm di lunghezza, contenenti 1-2 semi immersi in una polpa di colore rosso-arancio.

Si riproduce solitamente per seme, che non ha una lunga durata di germinabilità, in terriccio drenante mantenuto umido, ma senza ristagni, alla temperatura di 24-26 °C, con tempi di germinazione di 1-2 mesi e prima fruttificazione a partire dal secondo-terzo anno di età.

JPEG - 156.7 Kb
I frutti, lunghi 4 cm, sono commestibili e varie parti della pianta hanno proprietà medicinali © Giuseppe Mazza

Specie sia ornamentale che da frutto adatta alle regioni a clima tropicale, subtropicale e marginalmente temperato caldo, dove può sopportare eccezionali e per brevissimo periodo abbassamenti di temperatura fino a circa -2 °C, coltivata per lo più nei giardini familiari per i suoi frutti.

Richiede pieno sole, o al più una leggera ombreggiatura, e suoli drenanti ricchi di sostanza organica, preferibilmente da leggermente acidi a leggermente alcalini, mantenuti umidi. Dove il clima non consente la permanenza all’aperto con continuità può essere coltivata in capienti contenitori per essere riparata nei mesi più freddi in ambiente luminoso con valori minimi di temperatura non inferiori a 15 °C. Le innaffiature devono essere frequenti in estate, più diradate in inverno, ma senza mai fare asciugare completamente il substrato e le concimazioni, in primavera, effettuate con un prodotto a lento rilascio.

I frutti, dalla polpa cremosa e dolce con sapore che ricorda quello delle arachidi, vengono localmente consumati freschi o utilizzati per gelatine, confetture e aromatizzare pietanze.

Parti della pianta vengono utilizzate nella medicina tradizionale per diverse patologie, studi di laboratorio hanno evidenziato la presenza negli estratti delle foglie di composti bioattivi con proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.

Sinonimi: Malpighia armeniaca Cav. (1789); Bunchosia pilocarpa Rusby (1907); Bunchosia armeniaca f. parvifolia Nied. (1914); Bunchosia armeniaca f. systyla Nied. (1914).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle MALPIGHIACEAE cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/b-211-2_bunchosia_ameniaca
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants