Campsis grandiflora

Famiglia : Bignoniaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 273.7 Kb
Campsis grandiflora è un rampicante legnoso a foglia caduca originario della Cina. Richiede molto sole ma resiste d’inverno a -10 °C © Giuseppe Mazza

La Campsis grandiflora (Thunb.) K. Schum. (1894) è originaria della Cina e precisamente delle province di Fujian, Guangdong, Guangxi, Hebei, Shandong e Shanxi.

Il nome generico deriva dal greco “kampé” = piegato, con riferimento agli stami ricurvi; il nome specifico è la combinazione dei termini latini “grandis” = grande e “floreo” = fiorire, con ovvio significato.

JPEG - 159.9 Kb
Vistose infiorescenze con 8-12 fiori campanulati di 5-8 cm di diametro. Virtù medicinali © Giuseppe Mazza

Nomi comuni: “ling xiao” (cinese); “chinese trumpet-creeper”, “trumpet creeper”, trumpet vine” (inglese); “bignone à grandes fleurs”, “bignone de Chine” (francese); “trompetenblume”, “klettertrompeten”, “rote trompeten” (tedesco); “trompeta china” (spagnolo); “trombeta-chinesa” (portoghese).

Rampicante legnoso a foglia caduca, vigoroso, presenta foglie imparipennate di colore verde intenso, lunghe fino a 30 cm circa, con 7-9 foglioline ovato-lanceolate lunghe fino a 7 cm con bordi seghettati. Le infiorescenze terminali portano 8-12 fiori campanulati di colore rosso-arancio di circa 10 cm di lunghezza e 5-8 cm di diametro; i frutti sono capsule lunghe fino 15 cm, contenenti molti semi piatti, lunghi circa 2 cm, alati.

Si riproduce per seme, talea legnosa in estate, talea radicale in inverno, margotta e propaggine. Specie di grande valore ornamentale, è coltivabile anche nelle zone temperato-fredde potendo resistere, durante il riposo vegetativo, a temperature fino a -10 °C.

Non è particolarmente esigente riguardo al suolo, ma va collocata, per una abbondante fioritura, in pieno sole.

La pianta è nota per alcune sue proprietà curative nella medicina tradizionale; recentemente sono state individuate nei fiori sostanze con proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie e nelle foglie alcuni composti con azione simile a quella dell’acido acetilsalicilico sulle piastrine.

Sinonimi: Bignonia grandiflora Thunb. (1783); Bignonia chinensis Lam. (1785); Campsis adrepens Lour. (1790); Tecoma chinensis (Lam.) K. Koch (1872); Campsis chinensis (Lam.) Voss (1894); Tecoma grandiflora (Thunb.) Loisel. (1821).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle BIGNONIACEAE e trovare altre specie cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/c-429-24_campsis_grandiflora
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants