Campsis × tagliabuana

Famiglia : Bignoniaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 215.4 Kb
Campsis × tagliabuana nasce dalle nozze tra la Campsis grandiflora della Cina, che portò in dote la bellezza, e la Campsis radicans degli USA più resistente al freddo © Giuseppe Mazza

La Campsis × tagliabuana (Vis.) Rehder (1932) è un ibrido ( C. grandiflora x C. radicans ) tra la Campsis grandiflora, originaria della Cina, e la Campsis radicans, originaria degli Stati Uniti d’America centrali ed orientali.

Il nome generico deriva dal greco “kampé” = piegato, con riferimento agli stami ricurvi; il nome dell’ibrido, originariamente descritto da Roberto de Visiani come Tecoma tagliabuana è dedicato ai fratelli Alberto Linneo e Carlo Ausonio Tagliabue, che gli avevano fornito la pianta.

Nomi comuni: “hybrid trumpet creeper”, “orange-red trumpet creeper”, “trumpet vine” (inglese); “bignone orange“ (francese); “bignonia roja”, “san Genaro”, “trompeta trepadora” (spagnolo); “trompetenblume” (tedesco).

JPEG - 232.5 Kb
Vigoroso rampicante, con fusti legnosi lunghi anche i 10 m, tollera i -20 °C. La varietà più nota è la ‘Madame Galen’, introdotta in Francia nel 1889 © Giuseppe Mazza

Vigoroso rampicante deciduo con fusti legnosi lunghi fino a circa 10 m che si arrampica ed aderisce alle pareti tramite le radici avventizie emesse lungo il fusto; presenta foglie imparipennate di colore verde scuro lucido superiormente, chiaro inferiormente, lunghe 25-40 cm con 7-13 foglioline ovate lunghe 7-10 cm e larghe 3-4 cm dai margini seghettati.

Le infiorescenze, prodotte nella tarda estate, sono terminali, in cime spesso pendenti, con fiori imbutiformi lunghi circa 8 cm e larghi 5-7 cm di colore dal giallo arancio al rosso salmone, secondo la varietà, quella più diffusa è ‘Madame Galen’ introdotta in Francia nel 1889.

I frutti sono capsule cilindriche contenenti numerosi semi piatti, con due ali che ne favoriscono la dispersione tramite il vento. Si propaga per talea legnosa, talea radicale, propaggine e tramite le nuove piante che crescono anche lontano dal piede della pianta.

JPEG - 134.7 Kb
Fiori imbutiformi, riuniti in ricche infiorescenze, con scultoree corolle tondeggianti che richiamano i gusti della "Belle Époque” © Giuseppe Mazza

Ibrido che accomuna le migliori caratteristiche dei genitori, la fioritura appariscente della C. grandiflora e la rusticità della C. radicans, coltivabile in una ampia varietà di climi, potendo resistere, durante il riposo vegetativo, a temperature fino a -20 °C, e di suoli, potendo crescere anche in quelli poveri e spesso il problema più importante è contenere la sua vigorosa crescita.

Necessita di pieno sole per una copiosa fioritura e di spazio per svilupparsi, tenendo presente che se viene fatto arrampicare su ringhiere e pergolati, questi devono essere particolarmente robusti, potendo raggiungere in breve tempo pesi notevoli. Conviene effettuare in primavera potature, anche drastiche, per contenerne lo sviluppo e stimolarne la fioritura che si produce sempre sulla nuova vegetazione. Piante di recente impianto vanno irrigate regolarmente durante il periodo vegetativo, successivamente possono sopportare eventuali periodi di secco senza soffrirne.

Sinonimi: Tecoma tagliabuana Vis. (1859).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle BIGNONIACEAE e trovare altre specie cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/campsis_x_tagliabuana
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants