Chaetodon falcula

Famiglia : Chaetodontidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 75.2 Kb
Il Chaetodon falcula prende il nome dai disegni a forma di falce che reca sul dorso © Giuseppe Mazza

Il variopinto Pesce farfalla a doppia sella ( Chaetodon falcula - Bloch, 1795 ) appartiene alla classe Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla fantasiosa famiglia dei Chaetodontidae.

Il nome del genere viene dal greco “chaite” = capelli e “odous” = dente, per i "denti a forma di setole".

Il nome della specie “falcula” vuol dire in latino “falcetto”, con riferimento alle macchie dorsali appuntite che hanno il profilo di una piccola falce.

Il nome italiano le interpreta invece come due selle, in contrapposizione al Pesce farfalla sellato ( Chaetodon ephippium ), che di sella ne ha una sola, più grande e di forma più verosimile.

Zoogeografia

E’ presente principalmente nell’Oceano Indiano e in piccola parte nel Pacifico.

Lo troviamo nel Sud Africa, nell’Est Africa, il Madagascar, le Seychelles, l’arcipelago di Chagos, le Maldive, lo Sri Lanka, l’India, le Isole di Andaman, la Tailandia, l’Indonesia e poi nel Viet Nam e Taiwan.

Ecologia-Habitat

E’ un chetodonte che vive nelle formazioni coralline in acque relativamente basse fino a 15 m di profondità.

Morfofisiologia

Il pesce farfalla a doppia sella può raggiungere i 20 cm, anche se generalmente è più piccolo. Il corpo è piatto, più o meno ovale, col muso allungato e robusto per cercare il cibo fra i coralli.

JPEG - 60.5 Kb
Il muso allungato e robusto gli permette di frugare fra i coralli e le alghe per una dieta variata © Giuseppe Mazza

La pinna dorsale reca 12-13 raggi spinosi e 23-25 molli; l’anale ha 3 raggi spinosi e 20-21 molli; le ventrali e le pettorali sono inermi; la caudale è più o meno troncata.

Ricorda, nel disegno a strisce verticali su fondo bianco e la banda nera che attra- versa l’occhio, la livrea del Chaetodon lineolatus. Anche qui il posteriore ha tonalità gialle, ma questo colore si estende a tutto il dorso, attraversato dai due caratteristici falcetti neri.

Mostra una certa somiglianza anche con il Chaetodon ulietensis che ha ugual- mente il muso allungato, la banda nera oculare e le strisce verticali su fondo bianco, il posteriore giallo e la macchia nera sul peduncolo caudale, ma i due falcetti sono decisamente più allungati e squadrati, specialmente il primo, che, fra l’altro, è sbiadito.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Il pesce farfalla a doppia sella ha un’alimentazione mista: si nutre di polipi di madrepore ed altri celenterati, ma anche di crostacei, molluschi ed alghe.

Si trova spesso in coppia o in piccoli gruppi che possono contare anche una ventina d’individui.

Le uova sono pelagiche ed i giovani assomigliano molto agli adulti, a parte il muso più corto e le bande nere in proporzione più estese.

Le popolazioni possono raddoppiare in meno di 15 mesi e, commercio acquariologico a parte, non è una specie perseguitata dall’uomo o dai mutamenti ambientali. L’indice di vulnerabilità è quindi molto basso: 16 su 100.

Sinonimi

Anisochaetodon falcula - Bloch, 1795; Chaetodon dizoster - Valenciennes, 1831; Tetragonoptrus dizoster - Valenciennes, 1831.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_C-426-2_Chaetodon_falcula
_C-426-1_Chaetodon_falcula
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants