Chaetodon triangulum

Famiglia : Chaetodontidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 54.6 Kb
Un giovane Chaetodon triangulum. La specie, poco pescata, non è a rischio © Giuseppe Mazza

Il Pesce farfalla triangolo ( Chaetodon triangulum - Cuvier, 1831 ) appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla famiglia dei Chaetodontidae.

Il nome del genere viene dal greco “chaite” = capelli e “odous” = dente, per i "denti a forma di setole".

Il nome della specie “triangulum” = triangolo in latino, si riferisce al disegno triangolare delle parentesi ad angolo parallele fra loro che caratterizzano la livrea.

Zoogeografia

Questo chetodonte è presente nelle acque tropicali dell’Oceano Indiano e in un’area relativamente modesta del Pacifico occidentale.

Lo troviamo, a titolo indicativo, lungo tutta la costa africana, dal Sud Africa al Mar Rosso e il Mare Arabico, nel Madagascar, alle isole Seychelles, alle Andaman, in Tailandia, Singa- pore, Indonesia e Taiwan.

Ecologia-Habitat

Vive nelle formazioni madreporiche fino a 25 m di profondità.

Morfofisiologia

Il pesce farfalla triangolo raggiunge al massimo i 16 cm. Il corpo è piatto, più o meno triangolare con le pinne distese. Il muso è allungato per strappare i polipi delle madrepore.

La pinna dorsale reca 11 raggi spinosi e 23-26 molli; l’anale ha 3 raggi spinosi e 20-21 molli; le ventrali e le pettorali sono inermi e la caudale è più o meno troncata.

Il muso è rossiccio, come nel Chaetodon larvatus cui del resto assomiglia, ma qui l’occhio è mascherato da una banda scura, cui segue un’altra banda più piccola e il caratteristico disegno di parentesi ad angolo bluastre, parallele fra loro, sul fondo generale giallo chiaro.

La parte posteriore del corpo è più scura e i disegni si fondono fra loro.

Anche la coda, prima della zona traslucida, ha una zona nera verticale, attorniata di giallo, più visibile negli adulti, per confondere, simulando un finto capo, i predatori.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Vive per lo più in acque basse, fra le madrepore ricche di ramificazioni e nascondigli come quelle del genere Acropora, nutrendosi principalmente dei loro polipi, anche se altri cnidari entrano nella dieta.

Durante il periodo riproduttivo si formano delle coppie, che dopo aver abbandonato le uova alle correnti restano poi spesso insieme.

Le popolazioni possono raddoppiare in meno di 15 mesi, ed anche se i coralli di cui si nutrono sono minacciati dai cambiamenti climatici, data vasta diffusione in ambienti diversi, l’indice di vulnerabilità della specie è attualmente bassissimo: appena 13 su 100.

Non sono inoltre richiesti dagli acquariofili perché dato il loro particolare regime alimentare in casa morirebbero rapidamente di fame.

Sinonimi

Gonochaetodon triangulum - Cuvier, 1831.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_C-354-2_Chaetodon_triangulum
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants