Copernicia gigas

Famiglia : Arecaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 162.8 Kb
20 m d’altezza, 50 cm di diametro, e un grande valore paesaggistico per i tropici © Giuseppe Mazza

La Copernicia gigas Ekman ex Burret (1929) è originaria della zona sud-orientale di Cuba dove vive sia in aree boscose che nelle savane argillose.

Il genere è dedicato all’astronomo Niccolò Copérnico (1473-1543); il nome specifico deriva dal latino “gigas” = gigante, con ovvio riferimento alle dimensioni della pianta.

E’ chiamata localmente “barrigón”, “hediondo”, “palmeta”; altrove “giant copernicia” (inglese), “géant copernicia (francese), “carnauba-gigante”, “carnau- ba de morcego” (portoghese).

Presenta un fusto solitario, imponente, colonnare, alto fino a 20 m con un diametro di 50 cm, ricoperto dai residui dei piccioli delle vecchie foglie nella parte più giovane, liscio e di colore grigiastro in quella più vecchia.

Le foglie, portate da lunghi piccioli dai margini spinosi, sono palmate, di colore verde superiormente, ricoperte da una patina cerosa grigia inferiormente, e suddivise in numerosi segmenti rigidi.

Le infiorescenze che nascono tra le foglie, arcuate e ramificate, si protendono oltre la chioma e portano fiori bisessuali biancastri. I frutti sono globosi, 2 cm di diametro, di colore nero a maturità.

Si riproduce per seme che germina in circa 2 mesi. Palma di grandissimo valore paesaggistico per forma, dimensione e colore di fusto e chioma, coltivabile in ampi spazi in zone a clima tropicale e subtropicale ed in pieno sole. Se ne può tentare la coltivazione in climi temperato-caldi in posizione particolarmente riparata, non sopportando, se non per brevissimo periodo, temperature intorno a 0 °C.

Sinonimo: Copernicia excelsa León (1931).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ARECACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_C-297-1_Copernicia_gigas-2
_C-297-2_Copernicia_gigas
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants