Deckenia nobilis

Famiglia : Arecaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 146.4 Kb
La Deckenia nobilis è endemica delle Seychelles © Giuseppe Mazza

La Deckenia nobilis H.Wendl. ex Seem. (1870) è endemica dell’arcipelago delle Seychelles, cresce in particolare nelle isole di Mahè, Praslin, Silhouette, La Digue, Felicitè e Curieuse, prevalentemente su fianchi collinari esposti ad altitudini medio basse.

Il genere è dedicato all’esploratore tedesco Karl Klaus von der Decken (1833-1865); il termine specifico deriva dal latino “nobilis” = nobile, magnifico.

E’ comunemente nota come “chou palmiste” e “palmiste” in francese e “cabbage palm” e “millionaire’s salad” in inglese, con riferimento all’uso alimentare degli apici vegetativi.

Palma a fusto solitario, slanciato, che può raggiungere un’altezza di 30 m ed oltre con un diametro di circa 30 cm, di colore grigio chiaro e su cui sono visibili gli anelli traccia della attaccatura delle foglie cadute, caratterizzato nella fase giovanile dalla presenza di fitte spine lunghe 7-8 cm.

La base del picciolo avvolge interamente il fusto per circa 1 m e si presenta anch’essa spinosa nella fase giovanile, mentre nelle piante adulte è coperta da un tomento bianco.

Le foglie sono pennate, lunghe circa 4,5 m, con pinnule verde intenso fino ad 1 m di lunghezza e regolarmente inserite sul rachide.

Le infiorescenze si sviluppano sotto le foglie all’interno di una corta spata giallo-verdastra coperta di spine dorate che tende a disporsi quasi perpendicolarmente al fusto, alla sua apertura l’infiorescenza, molto ramificata, si distende verso il basso.

I fiori sono raggruppati nella classica triade ( un fiore femminile in mezzo a due fiori maschili ).

JPEG - 51.1 Kb
Grandi spate spinose proteggono le infiorescenze © Giuseppe Mazza

I frutti sono ovoidi, pic- coli ( circa 10 mm di lunghezza ), di un colore nerastro a maturità.

E’ una delle palme più ornamentali, malgrado la fase giovanile ‘aggressiva’, ma purtroppo si è dimostrata poco adattabile a climi diversi da quello strettamente tropicale umido.

In passato la sua popolazione ha rischiato di assottigliarsi notevolmente per l’uso alimentare dei suoi apici vegetativi, i famosi “cuori di palma”, il cui prelievo ha come conseguenza la morte della pianta.

Ora è considerata “vulnerabile” ed è inserita tra le specie protette.

Sinonimi: Iriartea nobilis (H.Wendl. ex Seem.) N.E.Br. (1882).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ARECACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_D_144_1_Deckenia_nobilis
_D_144_2_Deckenia_nobilis
_D_144_3_Deckenia_nobilis
_D_144_4_Deckenia_nobilis
_D_144_5_Deckenia_nobilis
_D-144-6_Deckenia_nobilis
_D-144-7_Deckenia_nobilis
_D-144-8_Deckenia_nobilis
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants