Dendrobium oreodoxa

Famiglia : Orchidaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 93.6 Kb
Autentica “gloria delle montagne”, come indica il nome specifico, il Dendrobium oreodoxa è un’epifita che cresce, intorno ai 2000 m di quota, nelle misteriose umide foreste pluviali montane della Nuova Guinea © Giuseppe Mazza

La specie è originaria della Nuova Guinea dove cresce sugli alberi delle foreste pluviali montane a circa 2000 m di altitudine.

Il nome del genere è la combinazione dei sostantivi greci “δένδρον” (dendron) = albero e “βίος” (bios) = vita, con riferimento alle numerose specie del genere che vivono sugli alberi; il nome specifico è la combinazione dei sostantivi greci “ὄρος” (oros) = montagna e “δόξα” (doxa) = gloria, con ovvio riferimento.

Nomi comuni: montane dendrobium (inglese).

Il Dendrobium oreodoxa Schltr. (1912) è una specie epifita con pseudobulbi a volte ramificati, sottili, flessuosi, lunghi fino ad oltre 50 cm, provvisti di foglie alterne, distiche, lanceolate con apice appuntito, di 3-6 cm di lunghezza e 0,5-1,5 cm di larghezza.

Infiorescenze racemose corte dai vecchi pseudobulbi portanti 1-3 fiori di colore rosso arancio brillante di circa 2,5 cm di diametro.

Ovario con corto pedicello lungo circa 2 cm, sepali ovati lunghi circa 1 cm, i due laterali uniti alla base a formare una sorta di sperone (mentum) conico lungo 1,3 cm, petali oblungo-ellittici leggermente più corti dei sepali, labello cucullato (a forma di cappuccio) rivolto verso l’alto con margine frangiato-dentato.

Si riproduce per seme, in vitro, e divisione, con ciascuna sezione provvista di almeno 3-4 pseudobulbi.

Specie che si contraddistingue per i piccoli fiori di lunga durata, circa un mese, dal colore particolarmente brillante, richiede una posizione semiombreggiata, temperature intermedie, 18-28 °C, elevata umidità, 75-85%, e costante movimento dell’aria. Innaffiature regolari in modo da mantenere pressoché costantemente umido il substrato, ma senza ristagni, utilizzando acqua piovana, demineralizzata o da osmosi inversa. Può essere montata su tronchi o pezzi di corteccia con dello sfagno alla base per mantenere l’umidità, come in natura, oppure coltivata in vasi o canestri, anche sospesi, con composto che deve essere particolarmente aerato e drenante costituito da frammenti di corteccia (bark) di media pezzatura con aggiunta di inerti e sfagno.

JPEG - 93.8 Kb
I sottili pseudobulbi possono superare i 50 cm. Le foglie sono alterne ed i fiori, visti qui di lato e dal basso, durano circa un mese. Raramente superano i 2,5 cm di diametro © Giuseppe Mazza

Trapianti e rinvasi vanno effettuati, quando strettamente necessari, alla ripresa vegetativa, segnalata dall’emissione delle nuove radici.

La specie è iscritta nell’appendice II della CITES (specie per la quale il commercio è regolamentato a livello internazionale).

Sinonimi: Pedilonum oreodoxa (Schltr.) Rauschert (1983); Chromatotriccum oreodoxa (Schltr.) M.A.Clem. & D.L.Jones (2002).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ORCHIDACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/d-211-2_dendrobium_oreodoxa
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants