Felis silvestris - Ragdoll

Famiglia : Felidae

 

Testo © Dr Didier Hallépée

 

 

 

Traduzione italiana di Mario Beltramini

 

 

JPEG - 41.1 Kb
Il Ragdoll è un gatto molto equilibrato, pacifico, affettuoso © Giuseppe Mazza

Il Ragdoll è una razza di gatti originaria degli Stati Uniti. Questa razza è stata creata nel 1963 da Jane Baker in California. Questo gatto ha la caratteristica di lasciarsi completamente andare quando lo si porta, come fosse una bambola di pezza (ragdoll in inglese).

La razza è stata riconosciuta nel 1963.

Carattere

Quando si porta il Ragdoll, esso diviene molle come una bambola di pezza.

Questo tratto di carattere è ereditato dalla prima infanzia: quando la madre trasporta i suoi gattini, lo fa in principio per cambiare posto, per avvicinarli al nutrimento o per portarli in un posto utile al processo di apprendimento. Questo tipo di spostamento può rivelarsi pericoloso, ed è per questo che la natura ha dato al gattino l’istinto di abbandonarsi allorchè la madre lo trasporta.

Questo istinto si attenua con l’età senza comunque scomparire totalmente. Così, tenere un gatto per la pelle del collo resta un mezzo semplice per controllarlo.

Nel Ragdoll, questo abbandono quando lo si porta rimane totale, come nei suoi primi giorni di vita. Il Ragdoll è un gatto molto equilibrato, tranquillo, affettuoso e con un miagolio molto dolce.

Standard

A forma di triangolo equilatero, la testa ha dei contorni arrotondati. Di faccia, lo spazio tra le orecchie sembra piatto. Di profilo, il cranio e la fronte sono arrotondati e prolungati da un leggero vuoto al livello del naso, che è diritto (profilo detto “a toboggan”).

Di media lunghezza, il muso è ben sviluppato ed arrotondato; il mento è forte.

Alquanto grandi ed ovali, gli occhi sono leggermente inclinati senza pertanto essere orientali. Il colore è blu, il più intenso possibile.

Di media taglia e poste nel prolungamento del triangolo della testa, le orecchie sono larghe alla base. L’estremità è arrotondata. Viste di profilo, puntano leggermente in avanti. Corta, l’incollatura è potente e muscolosa.

Di formato lungo e potente, il corpo è rettangolare con petto largo e rotondo. La larghezza tra le spalle è uguale a quella tra le anche. Sebbene pesante, il Ragdoll non è mai grasso; solo una tasca ventrale è accettata.

Di media taglia proporzionalmente al rettangolo formato dal corpo, le zampe hanno un’ossatura forte ed una muscolatura poderosa. Rotondi e forti, i piedi hanno una pelosità interdigitale.

Lunga, la coda giunge idealmente alla base della scapola. Larga alla base, è ben fornita e portata a ciuffo.

Semilunga e setosa, la pelliccia è composta da una importante copertura di peli di guardia e di poco sottopelo. Un collaretto che parte dal retro delle orecchie e si prolunga nel collo viene apprezzato. La pelliccia è corta e densa sulle zampe anteriori, più lunga su quelle posteriori dove può addirittura formare dei calzoncini.

JPEG - 26.5 Kb
Il Ragdoll si lascia portare come una bambola di pezza © Giuseppe Mazza

Mantello

Motivo colorpoint

Punte: le orecchie, la maschera, i piedi e la coda sono del colore di base del gatto, più scuri del corpo e se possibile omogenei. Corpo: il colore del corpo va dal guscio d’uovo al bianco lattiginoso, secondo il colore di base del gatto. Il petto, il collaretto ed il mento possono essere un pò più chiari. Sono permesse delle leggere ombre sul corpo.

Motivo mitted

Punte: le orecchie, la maschera, le zampe – piedi esclusi – e la coda sono del colore di base del gatto, più scuri del corpo e se possibile omogenei. Una macchia bianca sul naso ed/o tra gli occhi, interrotta o no, è accettata a condizione che non si stenda sino al tartufo. Il mento deve essere bianco. Piedi anteriori: calzini bianchi, regolari e fermi. Zampe posteriori: interamente bianche fino al mezzo delle cosce. Il bianco deve coprire i garretti. Non deve esserci alcuna macchia di colore nel bianco. Corpo: il colore del corpo va dal guscio d’uovo al bianco lattiginoso secondo il colore di base del gatto. Il mento deve essere bianco e stendersi in una banda bianca, di larghezza variabile, sino al collaretto, il petto, passare tra le zampe anteriori e sotto il ventre fino all’inizio della coda.

Motivo bicolore

Punte: le orecchie, la maschera e la coda sono del colore di base del gatto, più scure del corpo e se possibile omogenee. La maschera ha una V rovesciata di colore bianco che deve essere il più simmetrica possibile e non stendersi al di là dei bordi esterni degli occhi. Il tartufo è rosa. Corpo: il colore del corpo va dal guscio d’uovo al bianco lattiginoso secondo il colore di base del gatto. Il petto, il ventre, le zampe ed i piedi sono bianchi. Alcune macchie bianche sono accettate sul dorso e sui fianchi.

Motivo Van

Punte: il colore delle punte è limitato alle orecchie, alla parte superiore della maschera ed alla coda. Il tartufo è rosa. Corpo: bianco, ad eccezione di alcune macchie dal guscio d’uovo al bianco lattiginoso, a condizione che non rappresentino più del 20% della superficie del corpo, testa e coda comprese.

 

→ Per informazioni generali sui FELINI vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno delle razze di gatti, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_G-4-238_Felis_silvestris_-_Ragdoll
_G-4-239_Felis_silvestris_-_Ragdoll
_G-4-240_Felis_silvestris_-_Ragdoll_-_Blue_Tabby
_G-4-241_Felis_silvestris_-_Ragdoll_-_Blue_Tabby
_G-4-242_Felis_silvestris_-_Ragdoll_-_Blue_Tabby
_G-4-338_Felis_silvestris_-_Ragdoll
_G-4-339_Felis_silvestris_-_Ragdoll
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants