Gnathanodon speciosus

Famiglia : Carangidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 70.1 Kb
Gli adulti del Gnathanodon speciosus possono raggiungere i 120 cm ed i 15 kg © Giuseppe Mazza

Il Carangide dorato ( Gnathanodon speciosus - Forsskål, 1775 ) appartiene alla classe degli Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine dei Perciformes ed alla famiglia dei Carangidae, che conta circa 30 generi e 140 specie.

Il nome del genere viene dal greco “gnathos” = mascella “a”= privativo, senza e “odus” = dente, dunque con mascelle senza denti, per le labbra gommose e carnose.

Il nome della specie “speciosus” vuol dire bello in latino, attributo senza dubbio meritato in una famiglia parca di colori come quella dei carangidi.

Zoogeografia

Ha un’ampia diffusione nelle acque tropicali dell’Oceano Indiano e del Pacifico. Lo troviamo, a titolo indicativo, lungo tutta la costa africana, dal Sud Africa e il Madagascar al Mar Rosso e il Mare Arabico, alle isole Seychelles, Mauritius, Riunione, Maldive, in India, Sri Lanka, Isola di Natale, Tailandia, Malesia, Australia, Indonesia, Micronesia, Nuova Guinea, Nuova Caledonia, Filippine, Taiwan e la Cina fino al sud del Giappone. Verso Est raggiunge la California, il Messico e l’Ecuador.

Ecologia-Habitat

Anche se cerca nella sabbia piccole prede, è una specie sostanzialmente pelagica che si muove sul lato esterno dei reef scendendo ad un massimo di 50 m di profondità. I giovani, insensibili al veleno, trovano spesso protezione fra i tentacoli delle meduse o affiancano, come i Pesci pilota ( Naucrates ductor - Linneo, 1758 ) che del resto appartengono alla stessa famiglia, gli squali, ripulendoli dai parassiti e dagli avanzi di cibo. Un sicuro deterrente per i predatori in entrambi i casi.

JPEG - 41.4 Kb
I giovani hanno bande verticali più marcate e alimentano il mercato acquariologico © Giuseppe Mazza

Morfofisiologia

Il carangide dorato può raggiungere i 120 cm ed i 15 kg di peso. Il corpo è compresso lateralmente, fusiforme, con la pinna dorsale in posizione arretrata che mostra 8 raggi spinosi e 18-20 molli. L’anale, più corta e simmetrica ha 3 raggi spinosi e 15-17 inermi; le pettorali sono falciformi e possenti, le ventrali sono modeste e la caudale forcuta è bilobata nei giovani. Questi hanno una livrea gialla solcata da 6 grandi strisce nere verticali, la prima a livello dell’occhio, intervallate da altre più sottili con evidente funzione mimetica. Negli adulti i toni si fanno più argentei, ma i riflessi dorati spesso perdurano.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Vive in piccoli branchi nutrendosi di molluschi, crostacei e pesci di taglia modesta che risucchia con la bocca protrattile. Caccia spesso in gruppo, accerchiando i branchi di giovani aringhe e sgombri.

La riproduzione avviene di notte, colletti- vamente, con uova abbandonate alle correnti.

In Asia è spesso pescato ai fini alimentari e c’è chi l’alleva per la carne, come da noi le orate e i branzini. I giovani, grazie alla brillante librea e il basso costo, alimentano il mercato acquariologico.

Anche se è una specie con una dieta diversificata, che sottoposta a stress può raddoppiare i suoi effettivi in 1,4-4,4 anni, a causa della pesca ha oggi un indice di vulnerabilità moderato, di 38 su 100, che potrebbe aumentare.

Sinonimi

Caranx cives - De Vis, 1884; Caranx edentulus - Alleyne & Macleay, 1877; Caranx panamensis - Gill, 1863; Caranx speciosus - Forsskål, 1775; Scomber speciosus - Forsskål, 1775.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_G-97-1_Gnathanodon_speciosus
_G-97-2_Gnathanodon_speciosus
_G-97-3_Gnathanodon_speciosus
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants