Kopsia singapurensis

Famiglia : Apocynaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 49.7 Kb
Di casa in Malesia e Singapore, le eleganti infiorescenze della Kopsia singapurensis recano numerosi fiori bianchi col centro rosso e 5 lobi ellittici di 1,5-2,2 cm. I 5 stami si trovano all’interno di un tubo corollino di 2,5-3,5 cm © Giuseppe Mazza

La specie è originaria della Malaysia Peninsulare e Singapore dove vive nelle foreste pluviali e paludose e lungo i corsi d’acqua a basse altitudini.

Il genere è dedicato al politico e botanico olandese Jan Kops (1765-1849); il nome specifico latino “singapurensis” = di Singapore, fa riferimento ad uno dei luoghi di origine.

Nomi comuni: Singapore kopsia, white kopsia (inglese); selada (Malaysia).

La Kopsia singapurensis Ridl. (1923) è un arbusto o piccolo albero sempreverde alto 5-6 m, raramente di più, con tronco di 20-24 cm di diametro dalla corteccia grigiastra dalle cui ferite essuda una linfa lattiginosa irritante.

Le foglie, su un picciolo lungo 0,5-1 cm, sono opposte, semplici, ellittiche con margine intero e apice cuspidato, lungo circa 1,2 cm, e nervature prominenti inferiormente, coriacee, di colore verde intenso lucido, lunghe 8-20 cm e larghe 3-10 cm.

Le infiorescenze, su un peduncolo lungo 1-7 cm, sono cime bipare terminali, lunghe 3-12 cm, portanti numerosi fiori ermafroditi di colore bianco con centro rosso. Corolla imbutiforme con tubo lungo 2,5-3,5 cm, 5 lobi oblunghi o ellittici, di 1,5-2,2 cm di lunghezza e 0,6-1 cm di larghezza, e 5 stami interni al tubo corollino.

I frutti sono drupe oblunghe leggermente appiattite, generalmente in coppia, di 2,5-3 cm di lunghezza, 1-1,4 cm di larghezza e 0,6 cm di spessore, di colore rosso, contenenti un solo seme.

Si riproduce per seme, in terriccio organico mantenuto umido alla temperatura di 24-26 °C, per margotta e talea.

JPEG - 177.9 Kb
Arbusto o piccolo albero sempreverde di 5-6 m, si presta facilmente a siepi nei giardini dei tropici ma è poco noto al di fuori delle zone d’origine. E’ localmente usato nella medicina tradizionale per varie patologie. Presenza nella corteccia e nelle foglie di diversi alcaloidi indolici con proprietà antiossidanti ed antitumorali © Giuseppe Mazza

Specie vigorosa di facile coltivazione dal fogliame e dai fiori ornamentali, poco nota al di fuori delle zone di origine, dove a volte è utilizzata in parchi e giardini come esemplare isolato o per formare barriere, adatta esclusivamente alle zone tropicali e subtropicali umide, non sopportando temperature inferiori a 7 °C se non eccezionali e per brevissimo periodo. Richiede una posizione in pieno sole, anche se sopporta una parziale ombreggiatura, e non è particolarmente esigente riguardo al suolo, anche povero, pesante e con ristagni idrici.

Parti della pianta sono utilizzate nella medicina tradizionale per varie patologie; studi di laboratorio hanno evidenziato la presenza nella corteccia e nelle foglie di diversi alcaloidi indolici con proprietà antiossidanti e antitumorali.

Per la riduzione del suo habitat dovuto all’espansione antropica è stata inserita nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) tra le specie a rischio di estinzione (vulnerabile).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle APOCYNACEAE cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/k-24-1_kopsia_singapurensis
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants