Lepanthes elegantula

Famiglia : Orchidaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 132 Kb
La Lepanthes elegantula è una piccola epifita dell’Ecuador con corto rizoma e fusti sottili, alti 5-8 cm, provvisti all’apice di una foglia di 2-5 cm. Infiorescenze racemose, lunghe fino a circa 15 cm, con rachide filiforme e 10-20 fiori che si aprono in successione. Fra le più note del genere per la facile coltura e una fioritura quasi continua © Giuseppe Mazza

La specie è originaria dell’Ecuador dove cresce sugli alberi delle foreste montane ad una altitudine intorno a 3000 m.

L’etimologia del nome generico non è stata specificata dall’autore, secondo alcuni è la combinazione dei sostantivi greci “λεπίς” (lepis) = scaglia e “άνθος” (anthos) = fiore, con riferimento alla forma del fiore di molte specie.

JPEG - 80.2 Kb
Sepali lanceolati con apice appuntito, di circa 1,5 cm di lunghezza e 0,7 cm di larghezza © Giuseppe Mazza

Altri ritengono derivi da “λέπος” (lepos) = corteccia e “άνθος” (anthos) = fiore, dato che le piante del genere vivono sulla corteccia degli alberi.

Il nome specifico è il diminutivo dell’aggettivo latino “elegans, antis” = elegante.

La Lepanthes elegantula Schltr. (1915) è una specie epifita di piccole dimensioni con corto rizoma e fusti sottili, alti 5-8 cm, provvisti all’apice di una foglia eretta obovato-ellittica con apice tridentato, lunga 2-5 cm e larga 1-1,2 cm, coriacea, di colore verde intenso.

Infiorescenze racemose, lunghe fino a circa 15 cm, con rachide filiforme portanti 10-20 fiori, che si aprono in successione per lungo tempo, con sepali di colore rosso borgogna e petali e labello arancio rossastro.

Sepali lanceolati con apice appuntito, di circa 1,5 cm di lunghezza e 0,7 cm di larghezza, il dorsale unito alla base ai sepali laterali, a loro volta uniti tranne all’apice.

Petali trasversalmente bilobati più larghi che lunghi, di circa 2 mm di lunghezza, con lobo superiore ovato e lobo inferiore oblungo, e labello bipartito lungo 1,7 mm.

Si riproduce per seme, in vitro, e per divisione, con ciascuna sezione provvista di almeno 3-4 fusti.

Orchidea miniatura tra le più coltivate del genere per i fiori relativamente grandi, la fioritura pressoché continua e la facilità di coltivazione, richiede una esposizione ombreggiata, temperature medie, elevata e costante umidità ambientale e buona ventilazione. Le innaffiature devono essere regolari e abbondanti in modo da mantenere il substrato costantemente umido, ma senza ristagni, utilizzando acqua piovana, da osmosi inversa o demineralizzata.

Concimazioni ogni due settimane dalla primavera all’autunno utilizzando preferibilmente un prodotto idrosolubile bilanciato, con microelementi, a ¼ di dose di quella riportata sulle istruzioni del produttore. Può essere montata su tronchi, corteccia o zattere di sughero o di radici di felci arborescenti rivestite di uno strato di sfagno, o coltivata in vasi o canestri con composto drenante costituito da frammenti di corteccia (bark) e carbone vegetale di media pezzatura con aggiunta di sfagno.

Trapianti e rinvasi vanno effettuati, quando necessari, alla ripresa vegetativa.

La specie è iscritta nell’appendice II della CITES (specie per la quale il commercio è regolamentato a livello internazionale).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ORCHIDACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/l-256-2_lepanthes_elegantula
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants