Lepisanthes alata

Famiglia : Sapindaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 308.8 Kb
Originaria dell’Indonesia e Malaysia, la Lepisanthes alata raggiunge i 4-10 m d’altezza © Giuseppe Mazza

La specie è originaria dell’Indonesia (Kalimantan) e Malaysia (Johore, Sabah e Sarawak) dove vive nelle foreste lungo i corsi d’acqua su suoli argillosi, fino a circa 500 m di altitudine.

Il nome del genere è la combinazione dei termini greci “lepis” = squama, scaglia e “anthos” = fiore, con riferimento alle scaglie all’apice dei petali; il nome specifico è l’aggettivo latino “alatus, a, um” = alato, con riferimento al rachide alato.

Nomi comuni: chinese averrhoe, Johore fruit, malaysian lepisanthes, trengganu cherry (inglese).

La Lepisanthes alata (Blume) Leenh. (1969) è un arbusto o albero alto 4-10 m con tronco fino a circa 30 cm di diametro e corteccia grigiastra.

Le foglie, su un picciolo lungo 2-10 cm, sono generalmente imparipennate, lunghe 20-50 cm, con 3-6 coppie di foglioline opposte o subopposte, sessili o subsessili, lanceolate con apice lungamente appuntito e nervatura centrale prominente inferiormente, lunghe 8-15 cm e larghe 2-5 cm, di colore inizialmente porpora chiaro, poi verde, la fogliolina terminale, se presente, è di dimensioni estremamente ridotte; picciolo e rachide sono provvisti ai margini di due ali larghe fino a 0,8 cm.

Infiorescenze generalmente pendenti portanti fiori unisessuali sulla stessa pianta di circa 8 mm di diametro, con 5 sepali obovati lunghi circa 4 mm e 5 petali orbicolari, pressoché delle stesse dimensioni, di colore porpora.

Le infiorescenze maschili sono ascellari, lunghe 20-30 cm, con fascicoli sessili di 3-5 fiori, le infiorescenze femminili, ascellari o direttamente dai rami o dal tronco, sono lunghe fino a 50 cm, con fiori generalmente solitari su un pedicello lungo circa 1 cm.

I frutti sono bacche obovoidi con apice appuntito, di 3-4 cm di lunghezza e 2,5-3 cm di diametro, di colore da rosso a porpora scuro lucido a maturità, contenenti 1-4 semi ellissoidi con arillo carnoso di colore bianco.

Si riproduce per seme in terriccio organico, con aggiunta di sabbia grossolana o agriperlite per un 30% per migliorare il drenaggio, mantenuto umido alla temperatura di 25-28 °C, con tempi di germinazione di 2-4 settimane e prima fioritura a partire dal quarto anno di età.

JPEG - 187.9 Kb
Le infiorescenze femminili, lunghe anche 50 cm, hanno fiori generalmente solitari su un pedicello di circa 1 cm. I frutti sono gustose bacche commestibili con poca polpa © Giuseppe Mazza

Specie abbastanza diffusa nel sudest asiatico più per le sue caratteristiche ornamentali che per i suoi frutti, anche se eduli, con sapore gradevole quando perfettamente maturi, ma con poca polpa, sono invece particolarmente apprezzati dagli uccelli che provvedono alla loro disseminazione; in alcune zone della Thailandia le nuove foglie vengono consumate cotte come verdura.

Coltivabile nelle zone a clima tropicale e subtropicale umido in pieno sole o leggera ombreggiatura su suoli ricchi di sostanza organica, drenanti, mantenuti pressoché costantemente umidi.

JPEG - 158.3 Kb
Particolare dei fiori purpurei e dei frutti, tirati a lucido e fiammeggianti a maturazione per attirare l’attenzione degli uccelli che si occupano della dispersione dei semi © Giuseppe Mazza

Sinonimi: Otophora alata Blume (1847).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle SAPINDACEAE cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_L-244-1_Lepisanthes_alata
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants