Marantochloa mannii

Famiglia : Marantaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 135.9 Kb
Originaria dell’Africa Centrale, la Marantochloa mannii può raggiungere i 2,5 m d’altezza con foglie, soffuse di porpora inferiormente, lunghe anche 40 cm e larghe 20 cm, asimmetriche rispetto alla nervatura centrale © Giuseppe Mazza

La specie è originaria del Camerun, Congo, Costa d’Avorio, Gabon, Ghana, Isole del Golfo di Guinea, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Sudan, Tanzania, Uganda e Zaïre, dove vive nel sottobosco delle foreste paludose soggette a periodiche inondazioni e lungo le rive di corsi d’acqua, dal livello del mare fino a circa 1500 m di altitudine.

Il nome generico è la combinazione di Maranta, genere dedicato al medico e botanico italiano Bartolomeo Maranta (1500-1571), e del sostantivo greco “χλόη” (chloe) = erba; la specie è dedicata al botanico e raccoglitore tedesco Gustav Mann (1835-1916).

Nomi comuni: yoruba soft cane (inglese); mbili na ngbengbe (Camerun); akekeneke (Congo).

La Marantochloa mannii (Benth.) Milne-Redh. (1952) è una specie erbacea rizomatosa perenne, eretta, sempreverde, che forma densi cespi alti 1,5-2,5 m.

Le foglie, su un picciolo lungo 12-28 cm, sono semplici, alterne, da ovate a lanceolate, lunghe 14-40 cm e larghe 7-20 cm, con margine intero, lamina asimmetrica rispetto alla nervatura centrale e apice lungamente appuntito non in linea con la stessa, coriacee, di colore verde intenso lucido superiormente, glauche o soffuse di porpora inferiormente.

Infiorescenza terminale compatta, lunga circa 10 cm, costituita da brattee di colore da rosa a rosso, lunghe circa 3,5 cm, che sottendono fiori ermafroditi in coppia, lunghi circa 2 cm, di colore da bianco a rosa pallido, con 3 sepali, corolla tubolare a 3 lobi e stame e staminoidi disposti in due verticilli, quello interno costituito dallo stame fertile e uno staminoide e quello esterno da due staminoidi petaloidi. Il frutto è una capsula globosa trilobata contenente tre semi trigoni provvisti di arillo. Si riproduce per seme, in terriccio organico mantenuto costantemente umido alla temperatura di 24-26 °C, ma solitamente e facilmente per divisione.

JPEG - 74.8 Kb
Infiorescenza terminale compatta di circa 10 cm con brattee rosa o rosse. Fiori ermafroditi in coppia, lunghi circa 2 cm, bianchi o rosa pallido © Giuseppe Mazza

Specie dal fogliame ornamentale poco nota al di fuori delle zone di origine, coltivabile nelle regioni a clima tropicale e subtropicale umido in posizione parzialmente ombreggiata e senza particolari necessità riguardo al suolo, anche povero, purché con ampia e costante disponibilità di acqua.

Le foglie sono localmente utilizzate come copertura di costruzioni rurali e per avvolgere e cuocere i cibi sulla brace; le fibre ricavate dai fusti sono impiegate per realizzare stuoie, canestri, reti per la pesca e articoli di uso comune.

Sinonimi: Calathea mannii Benth. (1883); Phyllodes mannii (Benth.) Kuntze (1891); Phrynium hensii Baker (1898); Clinogyne hensii (Baker) K.Schum. (1902); Phrynium mannii (Benth.) K.Schum. (1902); Marantochloa hensii (Baker) Pellegr. (1938).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle MARANTACEAE e trovare altre specie cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/m-224-1_marantochloa_mannii
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants