Phoenicophorium borsigianum

Famiglia : Arecaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 162 Kb
Endemica delle Seychelles e molto ornamentale. Ma solo per i tropici © Giuseppe Mazza

Il Phoenicophorium borsigianum (K.Koch) Stuntz (1914) è endemico dell’arcipelago delle Seychelles (in particolare isole di Mahé, Praslin, Silhouette e La Digue) dove cresce nel sottobosco delle foreste pluviali, al fondo di vallate o sui pendii collinari, dal livello del mare a circa 300 m di altitudine.

Il nome del genere deriva dalla combinazione dei termini greci “phoenix” e “phorios” = rubato, con riferimento al furto dai Kew Gardens di uno dei primi esemplari introdotti in Europa, poi “apparso” nella serra privata dell’industriale ed appassionato orticoltore tedesco August Borsig (1804-1854), da cui il nome della specie.

Localmente è nota come “latanier feuillé”, “latannyen fey”; nei paesi anglofoni come “Borsig’s palm” e “thief palm”.

Palma a fusto solitario che può raggiungere un’altezza di 12-15 m con un diametro di circa 8 cm, densamente spinoso nella fase giovanile, meno in età adulta, guaina fogliare lunga 50-80 cm non avvolgente interamente il fusto, tomentosa e con spine nerastre tendenti a sparire con l’età, come pure nel picciolo, lungo fino a 40 cm, di colore giallo arancio nelle giovani piante.

Le foglie elegantemente arcuate, di colore verde chiaro, sono lunghe fino ad oltre 2 m e larghe 1 m con lamina intera bifida e margini dentellati che tende a dividersi irregolarmente in segmenti più o meno numerosi per azione del vento.

L’infiorescenza, molto ramificata, si sviluppa sotto le foglie ed è lunga circa 1,5 m e porta fiori di entrambi i sessi. I frutti sono ovoidi, circa 12 mm di lunghezza, di colore rosso a maturità. I semi germinano in 4-5 mesi.

Specie di grande effetto ornamentale, è coltivabile esclusivamente in zone dal clima tropicale umido su suoli fertili ed in posizione preferibilmente ombrosa e riparata dai venti.

Sinonimi: Astrocaryum borsigianum K.Koch (1859); Stevensonia borsigiana (K.Koch) L.H.Bailey (1930); Phoenicophorium sechellarum H.Wendl. (1865); Astrocaryum pictum Balf.f. (1877); Stevensonia grandifolia Duncan ex Balf.f. (1877); Areca sechellarum (H.Wendl.) Baill. (1895); Astrocaryum sechellarum (H.Wendl.) Baill. (1895).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle ARECACEAE e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_P_534_1_Phoenicophorium_borsigianum
_P_534_2_Phoenicophorium_borsigianum
_P_534_3_Phoenicophorium_borsigianum
_P_534_4_Phoenicophorium_borsigianum
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants