Sauropus spatulifolius

Famiglia : Phyllanthaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 147.3 Kb
Il Sauropus spatulifolius è un piccolo arbusto di 40 cm, originario del Vietnam. Foglie decorative e virtù medicinali © Giuseppe Mazza

La specie è originaria del Vietnam settentrionale dove vive nel sottobosco delle foreste umide a basse altitudini.

Il nome del genere è la combinazione dei sostantivi greci “σαῦρος” (sauros) = lucertola, sauro e “πούς” (pus) = piede, per la forma degli stami che sembrano l’impronta di un dinosauro; il nome specifico è la combinazione del diminutivo latino “spatula” = piccola spatola e “folium” = foglia, con ovvio riferimento.

Nomi comuni: dragon’s tongue (inglese); long lei ip, long li ye, lung li yah (cinese); mayom bai phai (thailandese).

Il Sauropus spatulifolius Beille (1927) è un piccolo arbusto sempreverde, stolonifero, ramificato alla base, alto fino a circa 40 cm, con rami cilindrici rugosi, sottili, spesso decombenti. Le foglie, raggruppate all’apice dei rami su un picciolo glanduloso pubescente lungo 2-5 mm, sono alterne, semplici, da oblungo-obovate a spatolate con apice arrotondato e margine intero, lunghe 5-14 cm e larghe 2-6 cm, di colore verde con venature bianco grigiastre, coriacee. Infiorescenze, su un corto peduncolo, direttamente sui rami (caulifloria) con grappoli di 2-5 fiori unisessuali sulla stessa pianta, fragranti. Fiori maschili, su un pedicello lungo 3-5 mm, di circa 4 mm di diametro, privi di petali, con calice di colore da rosso scuro a porpora costituito da 6 sepali obovati, di circa 2 mm di lunghezza e 1,5 mm di larghezza, disposti in due verticilli, e 3 stami con i filamenti uniti in un corto cilindro. Fiori femminili, su un pedicello lungo 1-2 mm, di circa 5 mm di diametro, simili ai maschili, con ovario sub globoso triloculare e 3 stili bifidi all’apice. Il frutto è una capsula deiscente globosa, di 6 mm di diametro, contenente generalmente tre semi a sezione triangolare. Si riproduce per seme, in terriccio ricco di sostanza organica con aggiunta di sabbia silicea o agriperlite per un 30%, per migliorare il drenaggio, mantenuto costantemente umido alla temperatura di 24-26 °C, e per divisione. Specie di facile coltivazione dal fogliame ornamentale e dai fiori profumati, utilizzabile nei giardini delle zone a clima tropicale e subtropicale umido in massa, come copri suolo, e per bordure; richiede luce solare filtrata o parziale ombreggiatura e suoli ben drenati mantenuti costantemente umidi.

Viene spesso coltivata, in particolare nel sud della Cina, per le foglie essiccate utilizzate nella medicina popolare principalmente per la cura delle malattie della gola e dei bronchi.

Ottimo soggetto da coltivare in vaso, per la decorazione di interni luminosi, con temperature minime notturne non inferiori a 16 °C e regolari innaffiature durante il periodo vegetativo, più distanziate in inverno, ma senza mai fare asciugare completamente il substrato. Le concimazioni mensili, in primavera estate, vanno effettuate con prodotti bilanciati con microelementi a metà dose di quella consigliata dal produttore.

Sinonimi: Sauropus changianus S.Y.Hu.

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle PHYLLANTHACEAE cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/s-298-1_sauropus_spatulifolius
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants