Scyliorhinus stellaris

Famiglia : Scyliorhinidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 50.7 Kb
Il Gattopardo ( Scyliorhinus stellaris ) è un piccolo squalo in pericolo © Giuseppe Mazza

Il pesce Gattopardo ( Scyliorhinus stellaris - Linnaeus, 1758 ), appartiene alla Classe dei Condritti o Condroitti (Chondrichthyes), i ben noti pesci cartilaginei, all’Ordine dei Carcariniformi ( Carcharhiniformes ) che vanta oltre 270 specie di squali, ed alla famiglia degli Scyliorhinidae.

Il nome del genere viene dal greco “Skylla”, in italiano Scilla, una ninfa del mare trasformata da Circe per gelosia in un mostro marino, con 6 teste di cane, che divorava i marinai nello Stretto di Messina, dato ad uno squalo con la pelle ruvida, e dal greco “rhinos”= naso, con riferimento al muso lungo e schiacciato, con due aperture nasali, ben separate, che non raggiungono la bocca.

Il nome della specie “stellaris” deriva dal latino “stella” , e quindi stellare, con un chiaro riferimento alle macchie, disposte come stelle lungo il corpo.

Il nome italiano di gattopardo evoca le macchie del ben noto felino.

Zoogeografia

E’ presente in tutto il Mediterraneo, escluso il Mar Nero, e passato lo Stretto di Gibilterra risale a nord la costa atlantica orientale fino alla Scandinavia e raggiunge a sud il Senegal, colonizzando le Isole Azzorre, le Canarie, Madera e Capo Verde. Ma si tratta spesso di una distribuzione a macchia di leopardo con popolazioni isolate.

Ecologia-Habitat

Vive anche al largo fino a 400 m di profondità. Ma di solito naviga fra i 20-60 m, in acque limpide, fra i coralli, le rocce, i fondi sassosi e le praterie sommerse. Di giorno dorme nascosto fra le rocce e caccia di notte.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 170 cm di lunghezza, ma nel Mediterraneo supera raramente gli 80-100 cm, e la lunghezza media nell’Atlantico è di 125 cm.

JPEG - 68.3 Kb
Un uovo con l’embrione ed il tuorlo. L’incubazione dura 9 mesi © Giuseppe Mazza

Il look è quello di un piccolo squalo, con tante macchie scure grandi e poche macchie bianche, più piccole, su un fondo bruno cenere.

Le due pinne dorsali sono situate molto indietro, nella seconda metà del corpo, arretrate anche rispetto alle ventrali.

Le fessure branchiali sono 5 e l’occhio ovale non ha, come negli altri Chondrichthyes, la membrana nittitante.

Le mascelle sono armate da numerosi denti, ma è una specie del tutto innocua per l’uomo.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Si nutre di tutti i pesci che capitano a tiro: merluzzi, aringhe e sgombri, per non parlare dei pesci di fondo, come i capponi di mare le sogliole o le platesse, e divora persino piccoli squali, come il gattuccio marino ( Scyliorhinus canicula ) che è un congenere di taglia minore.

Poi vengono i crostacei ed cefalopodi: seppie, calamari e polpi. E se uno di questi, di taglia adeguata, osa reagire al morso coi suoi tentacoli, il gattopardo ripiega il lungo corpo su se stesso ed usa, a mo’ di lima, la pelle armata da scaglie affilate, finché il malcapitato è costretto a lasciare sanguinante la presa. Tecnica usata anche per difesa; ben lo sanno le incaute mani e le braccia dei pescatori che li tolgono dalle reti.

Il Scyliorhinus stellaris è una specie ovipara a fecondazione interna, che nel Mediterraneo si riproduce quasi tutto l’anno.

Durante l’accoppiamento il maschio abbraccia la femmina attorcigliandosi a ciambella, e se tutto va bene questa può deporre un solo uovo per ovaia, quindi al massimo due.

Si tratta di strani astucci, lunghi 10-13 cm e larghi 3-4 cm, col bordo tipicamente rinforzato e dei viticci, sopra e sotto, per ancorarsi stabilmente alle gorgonie o ad altri supporti sommersi.

L’incubazione dura 9 mesi, e dato che la teca è relativamente trasparente, si può seguire la crescita dell’embrione collegato al tuorlo. Alla nascita i giovani misurano 10-16 cm ed hanno una speranza di vita di 19 anni.

Anche se la loro carne è poco gustosa, ed il fegato addirittura tossico, i gattopardi si trovano spesso sulle bancherelle del pesce fresco. Non vengono pescati intenzionalmente, ma cadono per caso nelle reti a strascico con effetti devastanti per la specie che è ormai quasi a rischio. La mancanza di prede causata dalla pesca industriale, il ciclo riproduttivo lungo e la frammentazione delle popolazioni, mettono infatti grosse ipoteche sul suo futuro.

L’indice di vulnerabilità della specie segna attualmente 83 su una scala di 100.

Sinonimi

Scyllium acanthonotum - De Filippi, 1857; Scyllium catulus - Müller & Henle, 1838; Squalus stellaris - Linnaeus, 1758.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_G-5-1_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-11_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-15_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-19_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-25_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-30_Scyliorhinus_stellaris
_G-5-7_Scyliorhinus_stellaris
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants