Stegostoma fasciatum

Famiglia : Stegostomatidae

 

 

Testo © Sebastiano Guido

   

JPEG - 104.4 Kb
Lo Stegostoma fasciatum è uno squalo di acque tropicali e subtropicali, presente dalle coste africane fino alle estreme propaggini dell’Oceania. Può raggiungere i tre metri e mezzo con un’imponente coda lunga quasi come il corpo, percorso negli adulti da cinque creste che gli danno un caratteristico aspetto spigoloso © G. Mazza

Lo Squalo zebra ( Stegostoma fasciatum - Hermann, 1783) appartiene alla sottoclasse degli Elasmobranchia, pesci a scheletro cartilagineo, all’ordine degli Orectolobiformes ed alla famiglia Stegostomatidae, di cui è l’unico membro.

Come tutti gli Orectolobiformes presenta la bocca in posizione avanzata rispetto agli occhi, cinque fessure branchiali, una coppia di pinne dorsali senza spine ed una pinna anale.

Il nome del genere deriva dalle parole greche "stego" (copertura) e "stoma" (bocca), forse per illustrare meglio il sistema di cattura utilizzato nella caccia: la copertura con la bocca della preda, addossata al fondo, con successivo risucchio della stessa.

Il nome della specie, fasciatum, sta a indicare le strisce che i giovani della specie possiedono e che si trasformeranno in macchie di ghepardo da adulti.

Queste strisce danno origine anche al nome italiano di squalo zebra (che taluni chiamano anche squalo leopardo).

JPEG - 111.7 Kb
Attivo principalmente di notte, esce a caccia verso sera col suo nuoto vigoroso, fatto d’ondulazioni del corpo, che l’imponente coda potenzia esponenzialmente. Si nutre di pesci e invertebrati, risucchiati grazie all’estensione della faringe che ampliandosi funge da pompa aspirante, mentre la bocca si chiude rapida, senza lasciare scampo © G. Mazza

Zoogeografia

È uno squalo di acque tropicali e subtropicali, presente dalle coste occidentali dell’India fino alle estreme propaggini dell’Oceania, di cui evita però le zone più fredde quali le acque della parte meridionale dell’Australia. È ugualmente presente nel Madagascar e sulla costa africana dalla Somalia al Mozambico. Sporadiche segnalazioni anche in mar Rosso e golfo Persico dove però il pesce è quasi completamente scomparso.

Ecologia-Habitat

Lo Stegostoma fasciatum vive in stretto contatto col fondo, da poco sotto la superficie fino a circa 90 m dove lo si può trovare adagiato su fondali sabbiosi o detritici specie nelle zone di corrente in cui giace con la bocca aperta rivolta al flusso dell’acqua. Questa postura gli consente di respirare meglio pur rimanendosene immobile. Le cose cambiano di notte, quando inizia la ricerca del cibo. Allora l’animale si sposta con un vigoroso nuoto fatto di ondulazioni del corpo, che la lunga coda potenzia esponenzialmente.

JPEG - 217.9 Kb
Il giorno lo passa adagiato sul fondo, nelle zone di corrente, con la bocca aperta rivolta al flusso dell’acqua per respirare meglio. I piccoli denti sembrano a una grattugia © Sebastiano Guido

Morfofisiologia

La lunghezza massima registrata è di 3,54 m, ma la dimensione media di quelli in cui ci si imbatte è di 2,5 m. Le caratteristiche principali, quando lo si incontra sott’acqua, sono il corpo quasi ovoidale allungato davanti, che all’altezza delle pinne pelviche inizia a restringersi per terminare gradualmente nella coda, un robusto tronco senza soluzione di continuità col corpo, bordata con ampio margine inferiore e una "criniera" più risicata di sopra. Il grosso tronco, negli esemplari adulti, è caratterizzato da cinque creste (due per lato più una centrale) che lo percorrono, dandogli un aspetto spigoloso.

Il corpo dei giovani è percorso da fasce verticali bianche e scure, disposte irregolarmente nel primo segmento toracico. Diventando adulti, gradualmente le strisce si trasformano in chiazze e gli danno un aspetto più da ghepardo che da zebra. Il ventre è bianco.

Subito sotto le fenditure delle branchie partono due pinne pettorali molto ampie, con gli stessi marcati disegni del corpo sulla parte superiore.

JPEG - 54.5 Kb
Il ventre e la parte inferiore delle pinne sono bianche, mentre la parte superiore, più o meno fulva, ha un disegno che muta con l’età © Giuseppe Mazza

Dalla cresta mediana dorsale emergono gradualmente due larghe pinne dalla punta arrotondata, la prima delle quali ampia due volte la seconda. Quest’ultima pare uscire dove finisce la prima. La pinna anale, contrapposta alla seconda dorsale, emerge in posizione più arretrata, mentre le due pinne pelviche, di forma quasi romboidale, sono poste poco all’indietro rispetto alla prima pinna dorsale.

Una coda quasi orizzontale di lunghezza poco inferiore al corpo e con un dentello finale completa la sagoma e la arricchisce del suo ricco ventaglio.

L’occhio piccolo, concolore al corpo e con iride verticale, è poco visibile, ed è seguito a poca distanza da uno spiracolo di dimensioni poco superiori.

La bocca, è piccola e ricca di minuscoli denti che di primo acchito possono far pensare a una grattugia. È collegata con due solchi cutanei alle narici da cui pendono due minuscoli barbigli.

JPEG - 58.2 Kb
Questo è il disegno di un subadulto con chiazze tondeggianti non ancora spezzate sui fianchi nel caratteristico disegno a macchie di leopardo, sfumato verso la coda © Giuseppe Mazza

Etologia-Biologia riproduttiva

Si può considerare inoffensivo anche se, provocato ed impossibilitato alla fuga, potrebbe reagire provocando ferite lacero contuse. Può essere accostato quindi senza timori con l’avvertenza, comune a qualsiasi avvicinamento, di evitare mosse brusche e di tenere sempre d’occhio ogni piccolo cambiamento nella postura del pesce, che potrebbe preannunciare un attacco.

Come lo squalo nutrice Nebrius ferrugineus, di cui condivide molte caratteristiche si nutre di pesci e di ogni genere di invertebrati, che caccia prevalentemente nelle ore notturne risucchiandoli dal fondale grazie alla grande facoltà di estensione della faringe, che ampliandosi funge da pompa aspirante.

Il pesce è oviparo e dopo l’accoppiamento, durante il quale il maschio trattiene la femmina mordendole una pettorale, lei depone le uova a piccoli gruppi isolati. L’aspetto di queste è di grossi involucri, dal colore bruno scuro o rossiccio, che si ancorano al substrato per mezzo di sottili filamenti.

JPEG - 143.5 Kb
I giovani, lunghi una trentina di centimetri quando escono dalle uova deposte, hanno invece un disegno mimetico sorprendentemente diverso © Giuseppe Mazza

La deposizione può raggiungere o superare di poco la quarantina di uova, che dopo un periodo di 2/4 settimane (in cattività), si schiuderanno dando alla luce i piccoli. I bebè, alla nascita, possono misurare mediamente una trentina di centimetri.

La popolazione è in brusco arretramento per il degrado dell’habitat e per la pesca che ne sfrutta la carne, le pinne e l’olio estratto dal fegato. La resilienza della specie è molto bassa e il tempo di raddoppio della popolazione va dai 4 anni e mezzo ai 14. L’indice di vulnerabilità è molto alto, raggiungendo quota 77 (2017) su scala 100.

Sinonimi

Squalus fasciatus - Hermann, 1783; Stegastoma fasciatum - Hermann, 1783; Stegostoma fasciata - Hermann, 1783; Stegostoma fasciaturn - Hermann, 1783; Stegostoma fasciatus - Hermann, 1783; Squalus tygrinus - Bonnaterre,1788; Squalus longicaudus - Gmelin,1789; Scyllia quinquecornuatum - Van Hasselt, 1823; Scyllium heptagonum - Rüppell, 1837; Stegostoma carinatum - Blyth, 1847; Squalus cirrosus - Gronow, 1854; Stegostoma varium - Garman, 1913; Stegatoma varium - Garman, 1913; Stegostoma varius - Garman, 1913; Stegostoma tigrinum naucum - Whitley, 1939.

JPEG - 229.3 Kb
Il corpo è attraversato da fasce verticali bianche e scure, disposte irregolarmente nel primo segmento toracico, e il nome volgare di squalo zebra nasce da questo disegno © Giuseppe Mazza

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità dei Chondrichthyes, i PESCI CARTILAGINEI cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

/stegostoma_fasciatum
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants