Synanceia verrucosa

Famiglia : Synanceiidae

 

GIF - 5.6 Kb

 

Testo © Giuseppe Mazza

 

 

JPEG - 144.6 Kb
La Synanceia verrucosa è il pesce più velenoso del mondo. Mortale per l’uomo come il morso di un cobra © Mazza

Il temibile Pesce pietra ( Synanceia verrucosa - Bloch & Schneider, 1801 ) appartiene alla classe Actinopterygii, i pesci con le pinne raggiate, all’ordine Scorpaeniformes, quello degli scor- fani, ed alla famiglia dei Synanceiidae, che conta poco meno di 40 specie.

L’etimologia del genere viene da “syn-” = con e “aggeion” = vaso, con riferimento alle ampolle che contengono il veleno alla base delle 12-14 spine della pinna dorsale.

Il nome specifico “verrucosa” evoca in latino la presenza di verruche.

Zoogeografia

Il pesce pietra ha una distribuzione vastissima nelle acque tropicali dell’ Oceano Indiano e del Pacifico.

Lo troviamo, a titolo indicativo, dal Sud Africa e il Madagascar al Mar Rosso e il Mare Arabico, alle isole Seychelles, Mauritius, Riunione e Maldive, in India, Sri Lanka, Tailandia, alle isole Andaman, Cocos, all’Isola di Natale, in Australia, Indonesia, Micronesia, Nuova Guinea, Filippine, Taiwan e Cina, fino alle isole Ryukyu e Ogasawara nella parte meridionale del Giappone. Ad Est ha colonizzato Samoa, Niue, Tonga e la Polinesia Francese con Tahiti. Verso Sud, nel Pacifico, Vanuatu, la Nuova Caledonia, l’Isole di Cook ed il Queensland.

Ecologia-Habitat

Vive in acque basse, camuffato fra rocce e coralli, fino a 30 m di profondità. Non disdegna i substrati detritici e sabbiosi delle lagune, dove spesso s’interra in parte, e durante la bassa marea lo si può anche trovare, ricoperto d’alghe mimetiche, nelle pozze di scogliera.

Morfofisiologia

Può raggiungere i 40 cm e i 2,4 kg di peso. Il corpo fusiforme verso la coda, è massiccio e tozzo, con la pelle nuda, costellata da verruche e protuberanze d’ogni sorta.

JPEG - 182.5 Kb
Particolare del capo. Si notano a stento gli occhi, le narici e l’enorme bocca mostruosa © Giuseppe Mazza

I colori sono mutevoli e molto diversi secondo l’ambiente. C’è del nero, del grigio, del verde, del magenta, del rosso, dell’arancio, del rosa e del giallo. In più secerne un muco appiccicoso che cattura frammenti di coralli ed alghe per dare un tocco di classe alla già perfetta livrea mimetica. La testa, larga col muso corto e schiacciato, dal profilo quasi verticale, reca in alto due piccoli occhi sporgenti, distanziati da una depressione, che sovrastano un’enorme bocca orizzontale.

Le pinne pettorali, gigantesche, con 17-19 solidi raggi, avvolgono quasi tutto il corpo. Sono ricoperte da piccole spine, ma questo è niente rispetto alle sorprese che riserva la pinna dorsale. Quasi sempre ripiegata, presenta infatti 12-14 protuberanze carnose che celano lunghe e solide spine scanalate, in grado di perforare la suola di una scarpa leggera, e 5-7 raggi molli.

Ogni spina reca alla base un grossa ampolla colma di veleno. E’ il più potente nel mondo dei pesci, mortale anche per l’uomo. La sua composizione è molto simile a quella del cobra, e in caso di puntura occorre intervenire subito col siero specifico. La pinna anale reca 3 raggi spinosi e 5-6 inermi, la caudale e le ventrali sono di dimensioni modeste.

Etologia-Biologia Riproduttiva

Il pesce pietra vive solitario nutrendosi prevalentemente di pesci. Punta sul mimetismo e caccia d’agguato ingoiando, in una frazione di secondo, i malcapitati di passaggio. Uova e larve sono pelagiche.

Presente solo nei grandi acquari pubblici, non interessa il mercato acquariologico e nemmeno quello ittico, anche se si trova spesso in vendita sul mercato del pesce vivo di Hong Kong.

L’indice di vulnerabilità della specie segna attualmente 58 su una scala di 100.

Sinonimi

Scorpaena brachion - Lacepède, 1801; Synanceichthys verrucosa - Bloch & Schneider, 1801; Synanceichthys verrucosus - Bloch & Schneider, 1801; Synanceia brachio - Cuvier, 1829.

 

→ Per nozioni generali sui pesci vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità degli Osteichthyes, i PESCI OSSEI, e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_S-151-1_Synanceia_verrucosa
_S-151-2_Synanceia_verrucosa
_S-151-3_Synanceia_verrucosa
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants