Tricholoma acerbum

GIF - 5.4 Kb

 

Testo © Pierluigi Angeli

 

JPEG - 145.8 Kb
Anche se in certe zone è ricercato, il Tricholoma acerbum è un commestibile mediocre © Giuseppe Mazza

Famiglia: (Tricholomataceae) - R. Heim ex Pouzar,1983

Genere: Tricholoma - (Fries) Staude, 1857

Sezione : Imbricata - Bon, 1984

Sottosezione : Psammopoda - Bon, 1984

Tricholoma acerbum - (Bulliard : Fries) Quélet, 1857

L’etimologia del nome deriva dal latino “acerbus” = acerbo, astringente, immaturo.

Il Tricholoma acerbum è un fungo considerato buon commestibile a livello popolare. Lo testimoniano i numerosi nomi dialettali. In Italia, solo per citarne alcuni, viene detto durello, castagnaccio, castagnolo, amaretto, fungo della carne, orellone o gozzi. In Francia tricholome acerbe. In Spagna: in Cataláno timoner; in Euskera ziza mingots.

Descrizione del Genere

Vedere Tricholoma columbetta.

Descrizione della Sezione

A questa Sezione sono ascritte specie di piccola e media taglia, che hanno il cappello asciutto, liscio, feltroso, imbricato, scaglioso, o anche lanoso; dal colore che va dal castano-nerastro fino al bruno rossastro, talvolta con sfumatura ocracee. Lamelle bianche immutabili, talvolta macchiate di bruno-rossastro a vetusta. Gambo bianco, nocciola sfumato di bruno. Carne bianca, appena crema rosata sotto la superficie.

JPEG - 104.6 Kb
Si riconosce dal margine, prima fortemente involuto, poi ricurvo e sempre costolato © Giuseppe Mazza

Descrizione della Sottosezione

La Sottosezione Psammopoda annovera specie con cappello finemente imbricato o feltrato, felpato, a volte screpolato; il colore va dal giallo paglia all’ocra con sfumature bruno-rosate; margine fortemente involuto, costolato; gambo bianco, giallino, pruinoso-forforaceo, talvolta punteggiato di bruno.

Descrizione della Specie

Cappello: 8 - 12 (15) cm, inizialmente emisferico-globoso, poi convesso ed infine disteso; margine dapprima fortemente involuto quasi a toccare il gambo, poi involuto e costolato. Cuticola spessa, separabile quasi totalmente, liscia, tomentosa e feltrata specie al margine, opaca a tempo secco, lucida e brillante e un po’ viscosa a tempo umido. Il colore è giallo-ocra, beige-giallognolo, giallo-verdolino, crema-brunastro al centro negli esemplari maturi.

Imenio: Lamelle fitte, poco smarginate, debolmente decorrenti con filetto, sinuose, strette, intercalate da numerose lamellule che a volte si uniscono saldamente alle lamelle formando delle forcazioni, bianche, bianco-crema, crema-paglierino, tendono a punteggiarsi di bruno a maturità.

Gambo: 6 - 10 × 2 - 4 cm, cilindraceo, tozzo, pieno, attenuato in basso, concolore al cappello nella parte inferiore, forforaceo, pallido nel primo terzo superiore, decorato con granulazioni brune che aumentano con la maturazione.

Carne: Spessa, soda, compatta, bianca immutabile, brunastra dopo molto tempo di esposizione all’aria o essiccato. Odore quasi nullo, sapore astringente, amarognolo.

Habitat: Cresce in estate e in autunno sotto latifoglia, specialmente castagni e querce, abbondante nei luoghi di crescita.

Commestibilità: Commestibile mediocre, anche se in alcune zone è molto ricercato e apprezzato, soprattutto per l’utilizzo sott’olio.

JPEG - 38 Kb
Basidi e spore di Tricholoma acerbum © Pierluigi Angeli

Microscopia: Spore ellissoidali, lisce, uniguttulate, 4,5 - 5,5 × 3,5 - 4,5 µm. Q = 1,.26. Basidi clavati, cilindrici, senza giunti a fibbia, 25 - 33 × 5,5 - 6,5 µm.

Osservazioni: Si tratta di una specie piuttosto diffusa nelle zone temperate, in terreni ricchi di carbonati, in boschi di latifoglie.

È un fungo molto comune almeno in Italia, tuttavia pare che in Germania, Austria e Svizzera sia considerato una specie in via di estinzione.

È facile da riconoscere per il margine, prima fortemente involuto, poi ricurvo e sempre costolato, per il colore bianco giallino e le lamelle fitte, crema-pallido o giallo paglierino, che si macchiano di bruno.

È molto simile al raro Tricholoma roseocerbum Riva, che tuttavia presenta sul cappello delle sfumature rosate, bruno-rosa e, secondo la letteratura, cresce sia in boschi sia di latifoglie sia di conifere, a parte il colore del cappello, macroscopicamente non ci sono differenze e anche la microscopia è pressoché sovrapponibile.

Sinonimi: Agaricus acerbus Bulliard : Fries (basionimo); Gyrophila acerba Quélet

 

→ Per informazioni generali sui funghi vedere qui.

→ Per apprezzare la biodiversità dei FUNGHI e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_T-129-1_Tricholoma_acerbum
_T-129-2_Tricholoma_acerbum
_T-129-3_Tricholoma_acerbum
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants