Zingiber officinale

Famiglia : Zingiberaceae

Testo © Pietro Puccio

JPEG - 77.3 Kb
Zingiber officinale © Giuseppe Mazza

Come per molte specie in coltivazione da tempi remoti, non è esattamente noto il luogo di origine del Zingiber officinale Roscoe (1807), si suppone sia il sud della Cina e l’India.

Il nome generico deriva dal latino “zinziber” (tardo latino “gingiber”), in greco “ziggiberis”, che sembra derivare dal nome in lingua prakrit “singabera”, che a sua volta deriverebbe dal sanscrito srngavera o shringavera", che significa a forma di corno di cervo, con riferimento ai rizomi ramificati; il nome specifico deriva dal latino “officina” = fabbrica, laboratorio, quindi relativo alla farmacia, ovvero che contiene sostanze medicamentose.

I nomi comuni più utilizzati sono: “zenzero” (italiano); “zangabîl”, “skînzhbîr” (arabo); “ginger”, “canton ginger”, “culinary ginger”, “common ginger”, “stem ginger” (inglese); “gingembre”, “gingembre commun”, “gingembre officinal”, “gingembre traditionnel” (francese); “Inbwer”, “ingwer” (tedesco); “jengibre”, “kion” (spagnolo); “gengibre”, “ingever” (portoghese).

Pianta erbacea perenne, presenta rizomi tuberosi, carnosi, ramificati ed aromatici, con fusti sottili alti fino ad 1 m simili a canne; le foglie lanceolate sono lunghe fino a 30 cm e larghe 2,5 cm, di colore verde scuro.

Le infiorescenze, che nascono direttamente dai rizomi, sono spighe compatte alte 25-30 cm con brattee verde chiaro da cui spuntano fiori giallo-verdastri dal labello centrale con strisce porpora punteggiate di giallo crema.

I frutti sono capsule deiscenti (che si aprono cioè a maturità lungo linee di minore resistenza) di colore rosso contenenti piccoli semi neri con arillo (involucro che in alcune specie avvolge tutto o in parte il seme) bianco. Si riproduce solitamente per divisione, raramente da seme (molte varietà in coltivazione sono sterili o fioriscono raramente).

Da tempi remoti i suoi rizomi sono variamente utilizzati sia nella medicina tradizionale che nella aromatizzazione di cibi e bevande. Oggi la sua coltivazione è diffusa in tutti i paesi tropicali e subtropicali, ma è l’India che attualmente detiene il primato con circa il 50 % della produzione mondiale.

JPEG - 83.3 Kb
I rizomi dello zenzero hanno proprietà aromatizzanti e medicinali © Giuseppe Mazza

Per una crescita ottimale necessita di suoli ricchi, mantenuti umidi durante il periodo vegetativo, ed una esposizione in pieno sole o in ombra parziale.

Sinonimi: Amomum zingiber L. (1753); Zingiber zingiber (L.) H.Karst. (1880); Amomum zinziba Hill (1770); Zingiber aromaticum Noronha (1790); Amomum angustifolium Salisb. (1796); Zingiber missionis Wall. in J.D.Hooker (1892); Zingiber officinale var. cholmondeleyi F.M.Bailey (1900); Zingiber cholmondeleyi (F.M.Bailey) K.Schum. in H.G.A.Engler (1904); Zingiber officinale var. macrorhizonum Makino (1933); Zingiber officinale var. rubens Makino (1933); Zingiber officinale f. macrorhizonum (Makino) M.Hiroe (1971); Zingiber officinale f. rubens (Makino) M.Hiroe (1971); Zingiber sichuanense Z.Y.Zhu, S.L.Zhang & S.X.Chen (1987); Zingiber officinale var. sichuanense (Z.Y.Zhu, S.L.Zhang & S.X.Chen) Z.Y.Zhu, S.L.Zhang & S.X.Chen (1992); Zingiber officinale var. rubrum Theilade (1996 publ. 1998).

 

→ Per apprezzare la biodiversità all’interno della famiglia delle Zingiberaceae e trovare altre specie, cliccare qui.

 

Archivio fotografico di Giuseppe Mazza

_Z-7-13_Zingiber_officinale
_Z-7-14_Zingiber_officinale
_Z-7-15_Zingiber_officinale
_Z-7-16_Zingiber_officinale
_Z-7-17_Zingiber_officinale
_Z-7-18_Zingiber_officinale
_Z-7-19_Zingiber_officinale
_Z-7-20_Zingiber_officinale
_Z-7-21_Zingiber_officinale
_Z-7-22_Zingiber_officinale
Photomazza : 70.000 colour pictures of animals and plants